BASKET VUELLE CONFRONTI BRINDISI E' LA PIÙ' ATTREZZATA PISTOIA HA UN DIAWARA IN PIÙ' E CAPO E' FUORI DALLA COPPA La lotta nei bassifondi Ecco come si preparano le tre rivali di Pesaro Pesaro ARIA DI SANREMO, tornano in auge le vecchie canzoni. Domenico Modugno canterebbe «siamo rimasti in tre, tre somari e tre briganti sulla strada...». Ovvero Capo d'Orlando, Pistoia e Brindisi. Anche se i pugliesi, tuttora a pari punti coi toscani, sembrano avere una marcia in più. Cedro Galli, saggio vice della Vuelle, invita a non dare per spacciata la Vuelle «che l'anno scorso dopo il ko in casa con Cremona sembrava morta, invece si salvò. Il cammino è ancora lungo e prima di dare per morto qualcuno aspetterei. Anche a sentirsi già salvi, comunque, si possono avere brutte sorprese. E questo vale per le avversarie che ancora corrono con noi per la salvezza». QUI CAPO D'ORLANDO (10 punti). Pur essendo dentro il tunnel di 12 sconfitte consecutive fra campionato e coppa, la squadra di Gennaro Di Carlo ha un vantaggio innegabile nei confronti di Pesaro: all'andata l'ha battuta con ben 17 punti di scarto. Un'imbarcata imperdonabile sul campo di una di- BETALAND Kulboka, stellina di Capo d'Orlando retta concorrente che, speriamo, non si debba pagar cara. La negativa avventura in Champions Lea-gue (appena due successi) si è conclusa ieri sera e così da oggi Capo avrà la mente sgombra per pensare solo al campionato. Nel frattempo ha ritoccato il roster con gli ingaggi di Nick Faust, guardia-ala di 1,98, classe '93 e Luca Campani, lungo italiano che si rimette in gioco dopo un'assenza dai campi di gioco lunga 14 mesi. QUI PISTOIA (12 punti). L'ancora di salvataggio scelta da Vincenzi-no Esposito è vecchia, ma sembra solida. Nella vittoria contro Cremona Diawara, l'ala 35 enne di nazionalità francese, già visto diverse volte in Italia, ha segnato 15 punti in 18' conditi da 6 rimbalzi: 13 di questi 15 punti li ha segnati nella ripresa. Quando si dice avere il 'know how' in certe situazioni. Un uomo così manca disperatamente alla Vuelle, che a Pistoia ha perso di tre. QUI BRINDISI (12 punti). Ha il coach più fresco mentalmente perché Vinteci, arrivato in corsa, non ha accumulato tutte le scorie che hanno già addosso i suoi colleghi che lottano. Ha appena lasciato andare Cady Lalanne, il pivot haitiano che viaggiava a 15,7 punti e 7,7 rimbalzi di media, rapito dai dollari del Besiktas; ma, con il lauto buy-out ricevuto, l'Happy Casa sta rimediando. Tau Lydeka è già arrivato, mentre Erik Murphy, passaporto finlandese, con un'esperienza Nba a Chicago, non dovrebbe tardare. Con Pesaro all'andata ha perso di cinque. Elisabetta Ferri