Basket Serie A. Una delicata sfida playoff con Bologna alle 12 al PalaSerradimigni Dinamo, la Segaf redo all'ora di pranzo Sassari. Per i playoff, ma soprattutto per l'autostima. Nel mezzogiorno di fuoco del PalaSerradimigni (si gioca alle 12) la Dinamo dovrà essere più veloce ad estrarre le proprie armi rispetto ad una Segafredo Bologna che ha calibri maggiori. Soprattutto dentro l'area, vista l'assenza del centro Shawn Jones, che ha bisogno di un paio di settimane per recuperare dalla brutta caduta nel match di Ghampions di mercoledì. La Virtus ha reagito alla batosta di Avellino con quattro vittorie di fila che l'hanno avvicinata al quartetto delle battistrada: «Le sconfitte aiutano a crescere più delle \attorie e noi ora stiamo giocando bene*, ha dichiarato coach Ramagli. «Le vittorie aiutano ad acqui- sire sicurezza», risponde il collega Pa-squini, che sarà costretto a usare spesso quintetti con due ali perché ha solo un centro, Planinic. L'americano-koso-varo Jones dovrà lavorare un paio di settimane (ieri sera lo ha fatto col preparatore Boccolini) per recuperare dalla brutta contusione rimediata mercoledì sera in Ghampions. Un'assenza, che insieme a quella di Devecchi, aumenta ancora di più il divario di stazza e forza fisica con la Virtus, che può utilizzare da esterni i due nazionali Arado-ri e Alessandro Gentile, al rientro dalla squalifica (ridotta di una giornata) dopo la rissa nel match col Trento. «Dovremo sfruttare agilità e velocità coi quintetti piccoli, ma soprattutto di- fendere da subito forte e senza cali» spiega ancora il tecnico della Dinamo, che conta molto sulla aggressività del rientrato Stipcevic (ottima prova contro l'Enisey Krasnoyarsk) e di un Bo-stic che sembra a Sassari già da due mesi e non da un paio di settimane per la velocità di inserimento. È chiaro poi che molto dovranno fare Polonara e Pierre a rimbalzo, chiamati a contrastare avversari più pesanti come Baldi Rossi e Lawson, o più scafati come Slaughter. Gi sarà più spazio anche per Tavemari. Ultima nota: per il sassarese Spissu è la prima gara da ex della Virtus al PalaSerradimigni. Giampiero Marnis RIPRODUZIONE RISERVATA Planicic, unico centro diponibile oggi per la Dinamo [gloriacalvi]