Buscaglia: «Loro davvero ostici E partita interpretata al meglio» Il coach trentino «Nel primo tempo noi troppo frettolosi Sistemati i dettagli tecnici nel 2° si è alzata la difesa» L'AquilaTrentosaràla grande assente alle Final Eight che si svolgeranno a Firenze nel prossimo weekend. I vice campioni d'Italia hanno avuto qualche stop di troppo nel girone d'andata e non sono riusciti a strappare la qualificazione. Bisognava vincere con la Sidigas Avellino nell'ultimo turno per accedere alla Coppa Italia, ma i biancoverdi si sono dimostrati più forti. Adesso, pian piano, Trento sta provando a risalire la classifica e, grazie al successo di sabato sera, ha guadagnato ulteriore terreno in quota play off. Bianconeri che sono in salute, dopo la bella vittoria nel turno precedente in casa della Germani Brescia. Segnali incoraggianti li aveva forniti anche la prova offerta in Eurocup contro il Lo-komotiv Kuban nonostante la sconfitta, nella partita che ha chiuso la stagione europea di Trento. «Era importante dare continuità alla vittoria contro Brescia - così il coach bianconero Maurizio Buscaglia - in una partita difficile, interpretata al meglio da Cantù che si è rivelato un avversario ostico. Adesso dobbiamo sfruttare questa lunga sosta (Trento ritornerà sul parquet il 3 marzo a Reggio Emilia, ndr) per recuperare qualche giocatore acciaccato». La chiave di svolta della gara di sabato è arrivata all'intervallo. «Nel primo tempo siamo stati troppo frettolosi in alcune scelte, mentre nel secondo tempo siamo riusciti a sistemare i dettagli tecnici alzando la difesa. Ne ab- biamo guadagnato in ritmo, abbiamo giocato di più di squadra». E.Mas. Coach Maurizio Buscaglia Cantù, Ire ko di fila Ma Sodini è sereno j!x^ «Dimostrato carattere nell'emergenza» È^ AI1raiicu>iilri>ivfw" " ¦¦¦ -".": -. !.....MIN C«p|» lui 111 "! l'm'islimiHiildaOCS ">'-*--~ .uriHi» Ited U-tobi-r £~l