L'Olimpia in Russia si scopre grande ¦ Khimki (Russia) COLPO GOBBO in terra russa per l'Ar-mani Exchange che finalmente segna un acuto anche in trasferta in Eurolega ed espugna il campo del Khimki Mosca per 77-86 frenando la corsa playoff dei padroni di casa. Per l'Olimpia e finalmente la prima vittoria contro una formazione attualmente nelle prime otto, quello che mancava alla squadra di Pianigiani che troppo spesso aveva illuso in questo tipo di match salvo spegnersi nel finale. Questa volta invece la premiata coppia Jerrells-Goudelock prende per mano i biancorossi e nel finale mostra quella freddezza che finalmente ha regalato uno scalpo prestigioso ai milanesi. Sono addirittura 40 i punti in totale per i due. A dare solidità invece ci pensa Kuzminskas, il terzo tenore della partita milanese aggiungendo 15 punti (7/11), ma con un lavoro egregio anche in difesa nel limitare le iniziative dei lunghi avversari. Il match è stato anche divertente, con i biancorossi subito a prenderne le redini sul 20-32 dell'11 ' propiziato proprio dal duo americano (che ha dimostrato di non soffrire l'assenza di Theodore). E l'ex di turno Jenkins invece a destare dal torpore i padroni di casa con 11 punti praticamente consecutivi che danno il vantaggio al Khimki sul 37-36. La reazione milanese è impetuoso a cavallo dell'intervallo arrivano fino al 39-52 siglato da Micov. Anche questa spallata non basta però, perchè Shved ispira i russi per il maxi break che riporta di nuovo avanti i gialloblu sul 55-54 al 25'. Il lungo elastico con un punto di vantaggio tra le due squadre lo interrompe Milano, Goudelock e Jerrells iniziano (68-74), i lituani Kuzminskas e Gudaitis cuciono (69-78) e alla fine, dopo il rientro del Khimki, i due USA la chiudono con i canestri del 77-82 a 30" dalla fine. KHIMKI MOSCA-AX ARMANI EXCHANGE MILANO 77-86 (20-30; 39-69; 62-61) Sandro Pugliese