La gara di oggi Esposito chiaro «Conta molto la mentalità» ATTEGGIAMENTO, mentalità e voglia di lottare fino alla fine. E' questo ciò di cui Pistoia ha bisogno contro Cantù. «L'importanza di questa partita - dice Vincenzo Esposito - per quanto mi riguarda è focalizzata sulla mentalità del f;ruppo che adesso, al completo, sta avorando con una qualità superiore. Mi aspetto di vedere lo stesso atteggiamento che ho visto negli allenamenti e in alcune partite, una riconferma della gara contro Varese che deve essere un punto fìsso sia in casa che fuori». E farlo contro una squadra come Cantù sarebbe fondamentale per contrastare in qualche modo il loro maggior talento: «Cantù è una squadra che sta nei primi tre posti nelle voci statistiche offensive - prosegue Esposito - e partendo dal presupposto che la difesa è sempre importante, contro certe squadre è proprio l'atteggiamento f;iusto a fare la differenza perché è 'elemento che ti fa diventare squadra, la base da cui partire per poi lavorare sui dettagli tecnici. Sappiamo di affrontare una squadra forte che per tutti i quaranta minuti, se gli viene concesso, va al tiro entro i primi dieci secondi dell'azione, che gioca la sua pallacanestro anche nei momenti di difficoltà indipendentemente dal quintetto che è in campo. Per poter limitare questi aspetti è fondamentale essere squadra altrimenti rischiamo di sfaldarci». Cantù segna molto, ma subisce anche molto e se loro sono il primo attacco del campionato, Pistoia è la seconda nella voce rimbalzi. «E' un dato importante - dice Esposito - ma non fa vincere i campionati. E' più importante la crescita come squadra che parte dalla difesa per poi giocare la pallacanestro che ci è più congeniale. Contro Cantù saranno fondamentali gli uno contro uno». Maurizio Innocenti