Basket Serie A: nello scontro diretto arrivano la sedicesima sconfitta consecutiva (decima in campionato) e l'aggancio di Pesaro L'Orlandina fa harakiri e precipita all'ultimo posto Primo tempo dominato (+14) contro i modesti marchigiani, poi si spegne la luce e il ko al supplementare è pesante Vito Favia PESARO Al termine di una gara emozionante condita anche da un'over-time, la Betaland Capo d'Orlando viene battuta dalla VL Pesaro per 84-81 e agganciata all'ultimo posto in classifica proprio dai marchigiani, in una partita in cui i siciliani hanno toccato anche il +16, venendo rimontati negli ultimi 15' dei tempi regolamentari. Non sono bastati i 20 punti ed 8 rimbalzi di Stoj anovic e i 19 punti di Likhodey. Sono Wojciechowski e Mika ad aprire la gara seguiti da un piazzato di Faust. Un tiro libero di Omogbo accorcia il distacco, poi Mika regala la transizione a Moore prima che Stoj anovic e la prima tripla della gara, firmata da Likhodey, diano il +4 alla Betaland. Bertone risponde con 5 punti consecutivi, intervallato da un canestro in avvicinamento di Maynor ed a metà primo quarto è 10-11. Pesaro aumenta l'intensità difensiva e nonostante Capo d'Orlando costruisca buoni tiri sono Moore, ancora Mika ed il giovane Serpilli a issare la Vuelleal+7 (18-11) al 9'. Ad interrompere l'emorragia dei siciliani è un tiro libero di Campani seguito da una penetrazione di Maynor ed una transizione di Likhodey per il 18-16 con cui si chiude il primo quarto. Il secondo parziale è una sorta di monologo Orlandino. Stojanovic lo inaugura con un "and one", lo segue a ruota una tripla di Likhodey e due canestri di Campa- Likhodey è stato tra i migliori in campo ma non è bastato Pesaro 84 Capo D'Orlando 81 VI Pesaro:Mika 10 (4/8), Omogbo 15 (2/3,3/4), Clarke 13 (1/4,3/7), Moore 17 (5/12,0/5), Ceron 6 (3/6, 0/3), Morgillo ne, Monaldi (0/1), Bertone 15 (2/5, 3/8), Ancellotti 6 (3/5), Bocconcelli ne, Serpilli 2(1/2, 0/1), Crescenzi ne. Ali. Leka. Beta-land Capo D'Orlando:Wojciecho-wski 8 (4/6,0/2), Likhodey 19 (1/3, 5/8), Atsur 6 (0/1, 2/3), Stojanovic 20 (8/13,0/4), Maynor 6 (2/6,0/5), Kulboka 3 (0/1, 1/3), Donda ne, Campani 9 (3/5), Faust 10 (3/5, 1/2), Galipò ne, Laganà ne. Ali. Di Carlo. Arbitri: Begnis, Lo Guzzo e Vicino. NoteParziali: 18-16, 31-45, 55-62, 70-70. Tiri liberi: Pesaro 15/27, Capo d'Orlando 9/27. Percentuali di tiro: Pesaro 30/74 (9/28 da tre, 11 ro, 36 rd), Capo d'Orlando 30/67 (9/27 da tre, 9 ro, 37 rd). Usciti per 5 falli: Faust e Bertone. Spettatori 3500 circa. ni per il 20-26 ospite. Pesaro è solo un canestro di Ancellotti ed uno di Ceron, ma fatica terribilmente a trovare la via del canestro. Stojanovic e Faust così iniziano l'allungo per la Betaland, Bertone risponde con la bomba del -3, poi Wojciechowski schiaccia al ferro su alzata di Stojanovic, Kulboka si iscrive alla partita dalla lunga distanza, Stojanovic segna due volte consecutivamente in penetrazione e Wojciechowski chiude il break ancora in alley-oop per il +14 Betaland, 31-45, con cui le due squadre vanno al riposo lungo. Quarto esattamente diviso in due quello di "ripartenza". Capo d'Orlando parte alla grande con Wojciechowski, Stojanovic e due bombe Likhodey che danno + 16 (36-52) al 23'. Pesaro si affida a Clarke e Moore che accorciano al -12, ma ancora Likho- dey dalla lunga distanza riallunga al 40-55. La squadra di coach Di Carlo, però, si blocca e non va a segno dal campo per oltre 5'. Così Pesaro ritorna dentro la gara pian piano : Mika dal post basso, Omogbo da 3, due tiri liberi di Bertone, un piazzato di Ceron ed una tripla di Clarke riportano la Vuelle al -4 (52-56), con Di Carlo obbligato a chiamare timeout per fermare l'inerzia dei padroni di casa. Omogbo riparte come aveva chiuso Clarke, poi due liberi di Campani e la quinta bomba di Likhodey chiudono il parziale sul 55-62. Clarke dalla lunga distanza e Ceron in transizione aprono il quarto quarto. Capo d'Orlando fatica a trovare la retina, cosa che Pesaro fa con Omogbo ed ancora Clarke per il + 1 (63-62) al 34'. 5 punti consecutivi di Faust controsorpassano due volte Pesaro: il primo è un appoggio al tabellone, poi, dopo la tripla di Bertone, arriva un canestro con la stessa mone-taper il 66-67 al37'. Nuovamente Bertone in "terzo tempo", ma Stoj anovic prima impatta a quota 68 dalla lunetta poi va a segno in transizione per il 68-70 a 27" dalla sirena. Moore ai liberi fa 1/2, Mika cattura il rimbalzo in attacco e trova la parità dalla lunetta facendo 1/2 con 24" 18' da giocare. Nell'ultimo possesso sciupa tutto Maynor, così si va all'overtime inagurato da Atsur e Omogbo da 3 punti. Ancora Maynor è impeccabile dalla lunetta, ma Mika e Moore sorpassano i siciliani portando sul +3 la Vuelle (78-75), Stojanovic fa 1/2 ai tiri liberi, poi ancora Omogbo e Moore regalano il +4 a 14" dalla fine, intermezzati da Likhodey (2/2 dalla lunetta). Atsur non ci sta e piazza la tripla del -1, Moore però scappa e chiude la partita sull'84-81. < Orlandina dai due volti. Wojciechowski schiaccia in un primo tempo che sembrava aprire la strada ad una vittoria