«Ora ci attendono partite difficili Ma noi abbiamo lo spirito giusto» Parrillo tra la vittoria con Pistoia e il calendario ostico Una fase della gara tra Pallacanestro Cantù e Pistoia, vinta nettamente dalla formazione brianzola: 106-85 il punteggio finale Qui Cantù Successo contro Pistoia e sesto posto in classifica alla pari con Sassari e Bologna. La Pallacanestro Cantù prosegue il suo cammino e si prepara ad alzare l'asticella delle ambizioni. La salvezza è praticamente raggiunta, anche se coach Marco Sodini afferma che «per essere sicuri manca ancora una vittoria». Lo stesso tecnico dei brianzoli per ora non vuole parlare di playoff, anche se, dopo aver conquistato il pass per le Final Eight di Coppa Italia, le quotazioni dei brianzoli si sono prepotentemente alzate. Ora per Cantù c'è un calendario certo non facile: domenica prossima trasferta a Venezia (partita posticipata alle ore 19), poi gara interna con Torino seguita dai match di Brescia e Bologna e dell'attesissimo derby del PalaDesio con Milano. Salvatore Parrillo, guardia della squadra brianzola, fa il punto della situazione. «La vittoria contro Pistoia è stata molto importante perché dovevamo dare continuità al successo con Avellino - dice il giocatore - Oltretutto i toscani arrivavano da un periodo positivo e noi dovevamo scendere in campo con grande concentrazione». «Abbiamo ora davanti a noi un periodo molto difficile - spiega ancora Parrillo - visto che ci attendono le partite con le prime squadre del campionato. Ma noi arriviamo a questa fase nel modo giusto». Ma l'affermazione con Pistoia può definitivamente sancire la svolta della stagione, con il cambiamento degli obiettivi? «L'obiettivo era la salvezza ed era giusto prima di tutto pensare a questo risultato. Adesso stiamo dimostrando qualcosa in più: meglio non fissare traguardi e andare avanti per la nostra strada. Stiamo facendo molto bene e dobbiamo proseguire così». «Veniamo da due partite ottime - afferma Parrillo -e da una buona Coppa Italia. Andiamo a Venezia fi- duci osi: la nostra bravura, in questa stagione, è stata quella di entrare in campo e pensare esclusivamente alla singola sfida. L'abbiamo fatto con Pistoia e con lo stesso spirito possiamo toglierci ancora belle soddisfazioni». Unica nota non lieta, l'ennesima multa comminata alla società (sanzione di 1.000 euro) per insulti agli arbitri. M.Mos. Parrillo Il nostro obiettivo era la salvezza. Ma ora meglio non fissare altri traguardi: guardiamo a un match alla volta