Basket, Serie A L'Olimpia si prende il derby con Cantù Giù Brescia Bene Varese SERVIZI «M'interno BASKET A UNDICESIMA DI RITORNO PUNTI PESANTI SUI PARQUET DEL MASSIMO TORNEO QUANDO MANCANO SOLTANTO ALTRI CINQUE TURNI PER DETERMINARE LA GRIGLIA DELLA POST SEASON A Milano il derby del PalaDesio Cantù gioca alla pan con la capolista E non molla l'osso fino all'ultimo Altalena L'Olimpia va in fuga, la Red October la riprende. Nel finale risolvono Goudelock e Cinciarini Roberto Nardella ¦ Desio (Monza) IL DERBY è di Milano ma Cantù gioca alla pari contro la capolista e solo un Goudelock irreale regala il successo alla squadra ospite. Parte forte in avvio di primo quarto l'Olimpia che con Goudelock a suonare la carica (5 punti per il giocatore milanese nei primi 3' del match) prova la fuga, ma dall'altra parte ci pensa Bums a tenere a galla la Red October ed è proprio il giocatore azzurro a infilare anche per il primo vantaggio della Red October che passa al comando delle operazioni sul 17-15. Non dura perché la risposta dell'EA7 è immediata e con quattro punti di fila di Jerrells e la tripla sulla sirena di Bertans, dopo un fallo inutile a 73 centesimi dalla fine di Par-rillo, l'Olimpia scappa sul 18-24. Il secondo periodo si apre con un mini parziale di 4-0 per Cantù che Milano però restituisce con gli interessi e con Kuzmin-skas e Jerrells è +9 per la squadra di Pianigiani. Culpepper è inarrestabile e la difesa dell'EA7 può solo prendere la targa al folletto dei padroni di casa, ma dopo il massimo sforzo canturino e il canestro del 37-41 è ancora Goudelock a prendere per mano la formazione milanese che scappa fino al 43-52 con cui si chiude la prima metà del match. Milano prova ad allungare ma Cantù resta lì con Thomas anche se l'Olimpia è costantemente avanti in doppia cifra, margine che la formazione guidata da coach Pianigiani mantiene fino al 56-68: qui c'è la fiammata di Cantù che con un parziale di 7-0 guidato da Culpepper e Smith riapre la partita sul 63-68. LA RISPOSTA dell'Olimpia è ancora una volta un controparziale di 12-0 a cavallo tra fine del terzo quarto e avvio della quarta frazione che fa volare sul 65-80 l'Emporio Armani costringendo Sodini a chiamare il time out. Cantù però non molla e spinta dal pubblico di casa risponde ancora con un break di 9-0 che riapre completamente la gara. Milano prova a resistere, ma Cantù non molla un colpo e guidata ancora da Smith e Culpepper la formazione brianzola torna a farsi pericolosa: una tripla di Smith e poi due tiri liberi del play della Red October valgono T85-89. Milano pasticcia e perde palla ma sulla potenziale tripla del -1 Culpepper sbaglia subendo forse fallo da Cinciarini (nella foto) che mette involontariamente il suo piede sotto quello del giocatore canturino che è costretto a uscire dolorante dal campo. A risolvere i conti per Milano è Goudelock con due triple clamorose, prima dei liberi-sicurezza dell'ottimo Cinciarini. © RIPRODUZIONE RISERVATA Cantù Milano 18-24,43-52,63-74 CANTÙ: Smith 26 (4-6 2-4), Culpepper 20 (4-5 3-7), Chappell 10 (4-11 0-3), Burns 16 (7-10 0-1), Ellis 1 (0-3 0-1), Cournooh 3 (1-2 da 3), Parrillo, Thomas 17 (5-9 1-4), Pappalardo ne, Tassone ne, Crosa-riol ne, Maspero n.e. Ali: Sodini. MILANO: Goudelock 22 (5-11 3-7), Tarczewski 5 (1-3), Cinciarini 11 (3-3 1-1), Abass 6 (2-3 0-1), M'Baye 5 (1-2 1-2), Kuz-minskas 10(1-3 2-4), Ber-tans 11 (1-2 2-5), Jerrells 12 (3-4 2-5), Gudaitis 16 (7-8), Bortolani ne, Pascolo ne, Cusin ne. Ali: Pianigiani. Note Da 2: C 24-44; M 24-39. Da 3: C 7-22; M 11-25. Liberi: C 24-31; M 17-27.