«Nessuna paura a sperimentare, decisiva la difesa» Coach Zare Markovski incassa la sua prima vittoria «Il quintetto con 4 piccoli? Vado dove mi porta la gara» dall'inviato » PISTOIA Dalle mani nei capelli, a fine primo quarto, per alcune difese quanto meno rivedibili, al sorriso sornione di fine gara, con tanto di complimenti alla sua squadra. Zare Markovski rompe il ghiaccio e dopo il passaggio a vuoto della scorsa settimana, nell'esordio in panchina a Brindisi, può finalmente festeggiare la prima vittoria della sua seconda avventura alla guida della Dinamo. «Abbiamo vinto perché siamo riusciti a difendere meglio e a far scendere parecchio le percentuali al tiro dei nostri avversari -dice il coach macedone-. Pistoia negli ultimi 30' di gioco ha fatto 2/17 da 3, poi grazie anche alla fiammata di Hatcher siamo riusciti a rimettere la gara dalla nostra parte, segnando 29 punti nel terzo periodo. Infine siamo stati bravi a mantenere i nervi saldi nel finale, riuscendo così ad arrivare a gestire gli ultimi minuti con relativa tranquillità». La gara però non era iniziata bene, ancora una volta. Scorie rispetto della settimana trascorsa in ritiro? «A Olbia abbiamo lavorato bene - risponde Markovski -, qualcosa a livello mentale ci poteva essere. Però bisogna anche dire che Pistoia nel primo quarto era molto concentrata e La Dinamo raccolta intorno a coach Markovski durante un timeout ha attaccato bene i nostri lunghi con Ivanov. Ci hanno costretto a spendere tanti falli e abbiamo dovuto cercare altre vie per recuperare». Tra le varie soluzione cercate, c'è stato anche un quintetto inedito, con quattro piccoli più Ta-vernari. «Io vado dove la partita mi porta, se i miei lunghi hanno problemi di falli, se Polonara ha bisogno di rifiatare dopo 15 minuti di fila in campo, e se Pierre è fuori, io non mi tiro indietro. Ho provato Bostic da quattro, è vero, ma quando c'è qualcosa da inventare, anche meno "popolare", io vado su quella strada senza problemi. Per come era il rit- mo della partita e il problema dei falli, ho dovuto provare a leggere la situazione e provare altre soluzioni per impedire che Pistoia seguisse il suo piano. Da questo punto di vista devo dire che ho trovato grande collaborazione dalla squadra». «La buona tenuta mentale e la buona difesa ci hanno permesso di restare in controllo della partita anche facendo qualche errore in attacco. Loro - conclude Markovski- nel primo tempo hanno tirato 8 volte più di noi: appena abbiamo riequilibrato questo conto siamo andati avanti grazie al nostro talento». A.Si. LE ALTRE PARTITE AVELLINO-PESARO 103-81 AVELLINO: Zerini 6, Wells 8, Fltipaldo 12, Sabatino. Lavral 4. Leunen 6, Scrubb 14, Filloy 10, D'Ercole 5, Ridi 31, Fesenko 4, Parlato 3. AH. Stefano Sacripanti. PESARO: Omogbo 5, Ceron, Clarke 24, Mika 22, Bocconcelli, Ancelotti 6, Braun 12, Bertone 12, Monaldi, Serpilli. AH. Spiro Leka. ARBITRI: Begnis. Bettini e Bongiorni. PARZIALI: 31-25; 59-48; 84-61 ¦'MiilirUl'H'Il'I VARESE: Avramovic 21, Bergamaschi ne, Natali 2, Vene 6. Okoye 14, Tambone 5, Cain 15, Delas, Ivanaj ne, Ferrerò 7, Dimsa, Larson 10. Ali. Attilio Caia. REGGIO EMILIA: Wrighl 17, Bonacini ne, Candì 6, Della Valle ne, White 14, Markoishvi-li 7, Wright 16, Cervi 6, Dellosto ne, Liompart 7. AH. Massimiliano Menetti. ARBITRI: Sahin. Battoli e Morelli. PARZIALI: 28-10; 43-35; 55-59. ¦J:)J.'M'WJ:»'», CREMONA: Johnson-Odom 17, Martin 6, Gazzotti, Diener T. 3, Ricci, Ruzzier 15, Portan-nese 6, Fontecchio 18, Sims 20, Diener D. 4, Milboume ne. AH. Romeo Sacchetti. TRENTO: Franke ne. Sutton 14. Silins 15, Forray 9, Conti ne, Flaccadori 11, Gutièrrez 15, Czumbel ne, Gomes 12, Hogue 7, Lechthaler ne, Shields 13. Allenatore; Maurizio Buscaglia. ARBITRI: Biggi, Weidmann e Perciavalle. PARZIALI: 22-22; 39-49; 59-76. VENEZIA-BRESCIA 68-61 ¦ CANTU'-MILANO 93-98 II BRINDISI-C.D'ORLANDO 74-75 VENEZIA: Haynes 15, Peric 14, Sosa, Bramos 10, Tonut, Daye 9, De Nicolao 1, Jenkins 2, Ress ne, Biligha 9, Cerella 5, Watt 3. Ali. Walter De Raffaele. BRESCIA: Moore 10, Hunt 10, Mastellari ne, Vitali L. 4, Landry 10, Ortner 6, FAII ne, Traini 3. Vitali M. 16; Sacchetti, Moss 2. Ali. Andrea Diana. ARBITRI: Mazzoni, Attard e Giovannetti. PARZIALI: 21-15; 36-27; 59-41 CANTÙ': Smith 26, Culpepper 20, Pappalardo ne, Cournooh 3, Parrillo, Tassone ne, Maspero ne, Crosariol ne, Chappel 10, Burns 16, Thomas 17, Ellisl. Ali. Marco Sodini. MILANO: Goudelock 22, Bortolani ne, Pascolo ne, Tarczewsky 5, Kuzminskas 10, Cinciarini 11, Cusin ne, Abass 6. M'Baye 5, Bertans 11, Jer-rells 12, Gudaitis 16. AH. Simone Pianigiani. ARBITRI: Lanzarini, Vicino e Paglialunga. PARZIALI: 18-24; 43-52; 63-74. BRINDISI: Petracca ne, Suggs 12, Tepic 3, Smith 8, Mesicek 11, Cardillo ne, Sirakov ne, Moore 5, lannuzzi 8, Donzelli ne, Lydeka 10, Giuri 17. AH. Sandro Dell'Agnello. CAPO D'ORLANDO: Smith 14, Faust 10, Atsur 5, Kulboka 3, Laganà ne, Likhodey 10, Galipò ne, Donda ne. Campani, Egwoh, Stojanovic 6, Knox 27, Donda ne. AH. Andrea Mazzon. ARBITRI: Seghetti, Filippini e Quarta. PARZIALI: 13-18; 35-34; 59-55