IL BASKET Happy Casa, salvezza rimandata La sconfitta arriva all'ultimo tiro Happy Casa Brindisi: pericoloso fiop La salvezza in gioco in quattro sfide BASKET La delusione dei giocatori dell'Happy Casa al termine della sfida persa in casa contro Capo d'Orando. Con una vittoria (e 2 canestri di vantaggio) i biancazzurri avrebbero chiuso il discorso salvezza. Ora tutto torna pericolosamente in gioco L'Happy Casa Brindisi sciupa la grande occasione Salvezza ancora in bilico S'inizia in ritardo per i capricci del tabellone. Si ferma Moore di Antonio RODI BRINDISI - "Niente è impossibile" recitava uno striscione tirato fuori dallo sparuto gruppo di tifosi di Capo d'Or- lando giunto in Puglia. Ed effettivamente così è stato. Dopo un intero girone e ben 14 sconfitte consecutive (20 considerando pure la Coppa), la Betaland torna infatti alla vittoria e lo fa nella domenica più importante della sua stagione, al termine di una gara a dir poco incredibile nella quale i siciliani hanno sempre dato l'impressione di esserci. Per la Happy Casa, invece, è una battuta d'arresto pesantissima, che rischia di complicare il discorso salvezza quando al termine della regular season rimangono da giocare ancora quattro gare. Per carità niente è compromesso, ma da ora in poi è assolutamente vietato sbagliare. La strada diventa però un po' più in salita, stante anche l'infortunio a Nic Morre che rende lo stato delle cose a dir poco intricato. Si parte con un certo ritardo rispetto allo start iniziale per alcuni problemi sorti al tabellone e l'intoppo non giova certo alla due formazioni costrette, loro malgrado, a riprendere il riscaldamento e a ritrovare la giusta concentrazione. Pronti a via e gli ospiti trovano subito un libero con Knox mentre sul ribaltamento di campo è l'ex Milenko Tepic a pescare i primi due punti della serata per la Happy Casa. Justin Knox continua a fare la voce grossa (già a quota 7 punti oltre a 3 rimbalzi e 2 falli subiti. Saranno poi 11 i punti e 10 di Mesicek esce a capo chino valutazione al termine della pri- ma frazione per ile entro statunitense), soprattutto perché Capo d'Orlando trova comode spaziature e giochi a due. 1 siciliani iniziano con un buon impatto (6-9 dopo 3 minuti e mezzo) mentre i padroni di casa sembrano essere spenti e abulici in ambedue le parti del campo (3/8 dal campo e appena 5 rimbalzi catturati). Brindisi fa una fatica maledetta contro la difesa a zona altrui tanto da piombare sul -5 (8-13) al minuto 5 e 30, soprattutto non riuscendo a correre come vorrebbe. I biancazzurri non la mettono mai dentro (3/12 totale al tiro dopo 7 mimiti) lasciandosi prendere la mano da tante (tantissime) forzature. Coach Francesco Vitucci prova a mischiare le carte, dando spazio a Mesicek, Giuri, Cardillo e lannuzzi sperando così d'invertire la rotta. No le cose cambino di molto, perché è sempre l'attacco alla zona altrui a creare seri grattacapi ai biancazzurri i quali spesso s'impantanano nell'attaccarla. La reazione tarda ad arrivare, soprattutto Brindisi è spaesata, così da costringere l'allenatore dei pugliesi a chiamare una sospensione. Ma non è serata. Al rientro in campo Cardillo spara un mattone dagli otto metri, anche se la vera fortuna dei biancazzurri è che la Beta-land non riesca ad approfittare di cotanta mediocrità. Dallo stato di torpore provano a scuoterla Giuri, Smith e Mesicek e Suggs per 25-27 del 15'30". Brindisi avrebbe anche due opportunità per rimettere in parità la contesa, ma li spreca in malo modo (0/2 al tiro) vendendo poi punita da una tripla di Sto-janovic (25-30). Mesicek ne mette dentro un'altra di "bomba" a -2'40" dalla pausa lunga (30-32), ma a complicare la situazione arriva l'infortunio al coscia sinistra occorso a Nic Moore a 120 secondi dall'intervallo. La Happy Casa prova a reagire con Marco Giuri: 5 punti consecutivi del playmaker regalano infatti ai biancazzurri il primissimo vantaggio della serata proprio in chiusura di seconda frazione (35-34). Al rientro in campo dagli spogliatoi la Happy Casa schizza sul +4 (43-39) grazie a 5 filati di Giuri (arrivato a quota 13 punti) , poi sul +6 (51-45) al 26' grazie ad una tripla di Smith e a una schiacciata di Mesicek. Ne arrivano poi 4 di Lydeka e al 27'35" i biancazzurri provano a scappare via (55-47). Adesso è la Betaland ad aver perso un pò di brillantezza pagando a caro prezzo qualche disattenzione di troppo anche se sono una conclusione pesante a testa di Atsur e Li-khodei a tenerla in vita (63-60 al 32'30"). Due liberi di Suggs danno a Brindisi un po' di respiro (69-65) ma è un canestro estemporaneo di A.Smith a fare 69-67 a 35' prima che una "bomba" di Suggs rimetta nuovamente in carreggiata i pugliesi (72-67). Alla sirena finale mancano 4 mimiti e 17 secondi quando Capo d'Orlando perde un pallone sanguinoso in attacco (A.Smith), ma è una grossa ingenuità di Mesicek (inutile antisportivo) a ridare fiato ai siciliani (72-69). 11 pallone ora è pesantissimo tanto sull'uno quanto sulT altro fronte. Intanto in panca ci va pure Tepic per un problema alla spalla (scontro con Knox), prima che due punti di Lydeka diano ai locali il nuovo +5 (74-69). Restano da giocare soli 120 secondi. Partita finita? No. Knox fa 74-71 a -l'42", sul ribaltamento giunge invece il fallo in attacco di Lydeka e l'immediato time out chiamato da Frank Vitucci. Al rientro in campo è però Capo d'Orlando a trovare un canestro di vitale importanza che vale il 74-73 a -49". Mesicek fa 0/2 dalla lunetta a -27" e l'Orlandiiia si ritrova tra le mani il pallone della vittoria che Knox capitalizza come meglio non potrebbe a -4" (74-75) regalando alla sua squadra un successo fondamentale. Risultati 26" giornata Avellino-Pesaro 103-81 Brindisi-Capo d'Orlando 74-75 Cantù-Milano 93-98 Cremona-Trento 89-96 Pistoia-Sassari 69-80 Torino-Bologna 65-67 Varese-Reggio Emilia 80-73 Venezia-Brescia 68-61 Prossimo Turno 27" giornata Bologna-Varese Brescia-Milano Brindisi-Cremona Capo d'Orlando-Avellino Pesaro-Canti! Reggio Emilia-Torino Sassari-Venezia Trento-Pistoia BRINDISI CAPO D'ORLANDO 74 75 Parziali -13-18, 35-34, 59-55 Happy Casa Brindisi: Scott 12 (2/2, 2/3), Tepic 3 (1/2, 0/3), Smith 8 (2/7, 1/2), Mesicek 11 (2/7, 2/4), Cardillo (0/1 da 3), Moore N. 5 (0/3, 1/5), lannuzzi 8 (4/8 da 2), Lydeka 10 (5/7 da 2), Giuri 17 (5/7, 2/3). N.e.: Sirakov, Donzelli, Petracca. AH. Vitucci. Capo d'Orlando: Smith A. 14 (4/8, 2/4). Faust 10 (3/5, 1/2), Atsur 5 (1/3 da 3), Kulboka 3 (0/2, 1/4), Lìkhodey 10 (3/7, 1/4), Campani (0/1 da 2). Stoja-novic 6 (3/5, 0/3), Knox 27 (13/18 da 2). N.e.: Gali-pò, Laganà, Egwoh, Donda. Ali. Mazzon. Arbitri: Seghetti di Livorno, Filippini di San Lazzaro, Quarta di Torino. Note - Fallo tecnico: 21'34" Knox (37-36). Fallo antisportivo: 36' Mesicek (72-67). Tiri liberi: Brindisi 8/15, Capo d'Orlando 5/10. Rimbalzi: Brindisi 39 (Lydeka 9), Capo 34 (Knox 8). Palloni persi: Brindisi 15 (Smith 5), Capo 11 (Knox 5). Palloni recuperati: Brindisi 7 (Tepic 4), Capo 6 (Faust 2). Assist: Brindisi 19 (Smith 8), Capo 13 (Stojanovic 5). Valutazione: Brindisi 82 (Suggs 13), Capo 77 (Knox 24). Use. 5 t