BASKET SERIE A «LA SOCIETÀ' NON HA PROBLEMI SPECIFICI DA RISOLVERE MA DEVE RICONSIDERARE TUTTO IL CONTESTO GENERALE» ANCORA IRRISOLTI I NODI SU ALLENATORE E PALAZZETTO The Flexx, i dubbi rimangono «Tra venti giorni le decisioni» Parla lozzelli: «Esposito rimarrà? E' presto per dirlo» LA STAGIONE è finita e ora più che tempo di bilanci è il momento di riorganizzare le idee in casa del Pistoia Basket. C'è da capire da dove partire prima di fare qualsiasi discorso o parlare di progetti, allenatori, giocatori altro. Tocca stabilire dei punti cardine e portarli avanti fino alla soluzione definitiva perché altrimenti qualsiasi parola diventa inutile. «Non ci sono punti specifici - afferma il direttore generale biancorosso, Giulio lozzelli - ma bisogna valutare il contesto generale nei prossimi 15-20 giorni. Una riflessione a tutto tondo che comprenda ogni aspetto dell'azienda Pistoia Basket, dalla struttura, agli equilibri interni, ai rapporti con la città e le istituzioni». La società dovrà decidere cosa vuol fare da grande. «Per dire ciò che si vuol fare da grandi ci vorrebbe una situazione economica che lo consenta. Dal punto di vista sportivo in questi direttore generale lozzelli parla del futuro della società cinque anni di serie A mi sembra che la società abbia dimostrato cosa vuol fare». Di valutazioni la società ne dovrà fare molte a partire dalla questione legata al pa-lazzetto, al budget, al nodo allenatore. E' fuori discus- sione che stia spirando un vento di cambiamento e che per continuare a fare pallacanestro a certi livelli bisogna adeguarsi alle nuove regole che non riguardano solo gli impianti sportivi, ma la stessa struttura so- cietaria e il mercato che già da quest'anno ha subito una forte trasformazione. «COME ho detto - prosegue lozzelli - c'è bisogno di fare una valutazione a 360 gradi tenendo conto di tanti aspetti visto che adesso le società sono delle vere e proprie aziende e come tali vanno gestite. Dopo tanti anni è possibile che ci possa essere qualche cambiamento e anche questo rientra nelle cose su cui riflettere. Al momento è impossibile fare una lista delle cose più importanti o dare delle priorità. Fra due o tre settimane sicuramente il quadro potrà essere più completo». Fra i temi in discussione c'è anche quello che riguarda l'allenatore, un'altra pedina fondamentale da mettere sullo scacchiere. «I rapporti con Enzo sono di grande stima reciproca e anche in questo caso c'è bisogno di un po' di tempo per prendere delle decisioni». Maurizio Innocenti