La Novipiù sfida Udine con la carica del suo coach Ramondino volalo allenatore dell'anno in A2: ulteriore motivazione per far bene nella serie che inizia domani sera Marco Ramondino durante un timeout con la sua Novipiù, che ha guidato in vetta per tutta la regular season ROBERTO SARACCO CASALE Un prestigioso riconoscimento per mettere ulteriore benzina nel motore della Junior Casale, che domani sera apre la serie dei quarti di finale con la Pallacanestro Udine. La Lega Basket ha infatti attribuito al coach rossoblu Marco Ramondino il premio di miglior allenatore dell'anno della serie A2. C'è stata una votazione, sono stati chiamati a esprimere la preferenza i presidenti, gli allenatori e i capitani delle 32 squadre della categoria, 16 del girone Ovest e altrettante dell'Est, di serie A2. Insomma, una preferenza vera, data da una giuria qualificata. E per Ramondino c'è stato quasi un plebiscito, visto che ha totalizzato 163 punti, riconoscimento al percorso eccezionale della sua Novipiù, in testa al raggruppamento dal primo all'ultimo turno, con un bilancio ragguardevole di 22 partite vinte e sole 8 perse. Nella classifica degli allenatori Ramondino ha preceduto Eugenio Dalmasson, condottiero dell'Alma Trieste che si è aggiudicata la leadership nel girone Est (per lui 84 voti), terzo il coach della neopromossa Extralight Montegranaro, Gabriele Ceccarelli, con 71 preferenze. Sono arrivati riconoscimenti anche per i giocatori. Nel premio per il miglior Under 21 il cecchino rossoblu Davide Denegri è giunto terzo, preceduto solamente da Lorenzo Penna (Andrea Costa Imola Basket) e da Andrea Pecchia (Remer Treviglio). Esaurita la parentesi extracampo, in casa Novipiù si è già proiettati sulla serie dei quarti di finale. Per Ramondino, la notizia più positiva e il rientro del centro Marcius, un giocatore che in stagione ha dimostrato di essere una delle colonne delle squadra. Anche col croato sul parquet, non sarà comunque semplice superare lo scoglio Udine: «Da questa serie mi aspetto una grande durezza e tanta fisicità - commenta l'allenatore juniorino -: Il quintetto friulano ha tutte le caratteri- stiche per andare lontano nei con il salire del livello della i punti di forza dei nostri av-playoff, penso abbia legittime competizione, dovremo au- versari». e dichiarate ambizioni. Noi, mentare in bravura e limitare