i BASKET-PLAYOFF Openjobmetis, che peccato! Comanda su Brescia, poi cade Varese sfiora il colpo sul parquet di Monti-chiari ma deve arrendersi 75-77. Brescia è sul 2-0 nella serie del quarto di finale playoff. Canestro decisivo di Landry a 7" dalla fine. Tra i biancorossi bene Avramovic e Vene. Sciascia alle pagine 38-39 Varese comanda ma Brescia vince PLAYOFF Decisivi i veterani della Leonessa NOSTRO SERVIZIO MONTICHIARI (Brescia) - L'Openjobmetis toma a mani vuote dal secondo atto dei quarti. La compagine di Attilio Caja non raccoglie i frutti di una partita comandata per 38 minuti abbondanti e lascia il punto del 2-0 ad una Germani trascinata al sorpasso dai veterani Moss e Landry. Una sospensione frontale a meno 7" delTMvp della stagione 2016/17 firma l'ultimo vantaggio per la Leonessa che piazza un 6-0 negli ultimi 100 secondi di una gara a tratti dominata da Varese (più 15 dopo 7' e più 14 al secondo quarto). Fatale per gli ospiti il quinto fallo a l'40" dal termine di Siim Sander Vene che sul!'asse con Cainavevari- portato al comando i biancorossi dopo il vantaggio costruito a suon di triple dai padroni di casa. Senza più il suo uomo d'equilibrio sui due lati del campo, Landry si è acceso con il pareggio e il sorpasso negli ultimi 58", e l'attacco varesino è andato a vuoto negli ultimi quattro assalti affidati stabilmente a sospensioni perimetrali nei secondi finali dell'azione. Davvero un peccato per l'OJM che raccoglie un secco "zero al quoto" dalle due trasferte inaugurali della serie nonostante quasi 70 minuti su 80 in vantaggio. Rispetto al primo atto di Verona, la compagine di Caja legge meglio le caratteristiche degli avversari cercando con maggior continuità Cain prima e Vene poi, contro i cambi difensivi o gli assetti nani-formi della Leonessa. La costante cosmica tra il primo e il secondo atto rimane però la sterilità dal perimetro (6/28 da 3 di cui 2/11 nella ripresa dopo il 7/32 di gara-I al PalaOlimpia); e quando Varese non trova più spazi per graffiare in contropiede dopo 30 minuti abbondanti di grande difesa, la manovra diventa troppo prevedebile se la scatola non si apre dall'arco. Al contrario la Germani trova ritmo dall'arco quando conta e il quarto periodo da 5/8 da 3 - compresi tre guizzi di un Moss decisivo sul meno 9 e un'invenzone di Luca Vitali allo scadere dei 24 secondi - è un altro fattore chiave per il successo della squadra di Andrea Diana. Così come in gara-1,l'altro aspetto fondamentale per il successo dei padroni di casa è il differente impatto della panchina: 28-7 il computo dei punti dei cambi in favore di Brescia che ha avuto spunti di grande peso da Brian Sacchetti. Insomma Varese ha fatto la partita e la Leonessa l'ha vinta, con V ultimo quarto -nel quale si è fischiato tantissimo - che ha condizionato alla lunga la squadra più aggressiva alla luce delle rotazioni più limitate degli ospiti. 11 rammarico è consistente, perchè comunque il team di Caja aveva corretto le sbavature del primo atto sia in attacco che in difesa, con la sua aggressività a tutto campo che aveva spesso costretto Brescia ad eseguire con affanno i suoi giochi. Ora l'importante è non deprimersi per l'occasione non capitalizzata ieri e confidare nella spinta di un Pa-1A2A che si annuncia infuocato per il terzo atto di domani sera. Tra Germani e Openjobmetis, come anticipato da Attilio Caja in sede di analisi, la differenza finora l'ha fatta più che altro l'esperienza dei veterani della Leonessa nel "sentire" i momenti chiave della partita. Il fattore campo di Masnago dovrà permettere a Varese di alzare il ritmo e le percentuali da fuori: per riguadagnarsi un'altra occasione nell'eventuale gara-5 a Monti- chiari serviranno due assalti all'arma bianca sullo stile del 100-72 della regu-lar season. Ma ora l'OJM non può più sbagliare. Giuseppe Sciascia Nella foto grande Okoye scaglia l'ultimo tiro che purtroppo non s'Infilerà a canestro. In alto Caln a terra, simbolo purtroppo della sconfitta dell'Openjobmetis. In basso a sinistra i giocatori bianorossi salutano il pubblico a fine partita. A destra il coach Attilio Caja. A fondo pagina, a destra, una penetrazione di AvramOViC Ifolosetunio Blitz.' DOMENICO GHIOTTO) GERMANI BRESCIA 77 OPENJOBMETIS VARESE_______________________75^ (14-22:37-40:53-60) BRESCIA Hunt (0-1 ), Mastellari ne, Vitali L.10 (1 -2,2-5), Landry 15 (3-5, 2-6), Ortner 8 (3-7), Cotton 2(1-1, 0-3), Fall ne, Traini ne, Vitali M.14 (2-4,3-5), Sacchetti 11 (0-1, 2-4). Ali. Diana. VARESE Avramovic 20 (4-9, 2-6), Bergamaschi ne, Natali, Vene 18 (4-5, 2-7), Okoye 10 (4-5, 0-6), Seck ne, Tambone (0-1,0-4), Cain 11 (5-7), Delas4 (2-2), Ferrerò 3 (0-1,1 -2), Dimsa (0-1 ), Larson 9 (3-5,1 -3). AH. Caja. Arbitri Sahin, Bartoli, Weidmann. Note Tiri liberi: Brescia 20/26, Varese 13/19. Rimbalzi: Brescia 27 (Vitali M.6), Varese 31 (Vene, Cain 7). Totali al tiro: Brescia 12/26 da 3,11/29 da 3; Varese 22/36 da 2, 6/28 da 3. Valutazione: Brescia 84, Varese 70. Antisportivo a Landry 4'53" (4-11). Tecnici: panchina Brescia 747" (7-19), Delas 15'40" (18-31), Vitali L.36'45" (65-64). 5 falli: Vene 39'20" (71 -75). Spettatori 4.300. LA PARTITA IN PILLOLE OJM senza ritmo dall'arco 8' 7-22 Difesa OJM padrona del campo, gli ospiti allungano sull'asse Vene-Cain nonostante l"l/9 da 3. 11' 17-22 Brescia alza il volume con 3 recuperi in fila, 10-0 Germani col quintetto piccolo. 14' 17-31 Varese cala nuovamente la saracinesca e riparte con due magie dall'arco di Vene. 17' 33-37 OJM stracarica di falli, 4/4 da 3 Germani e 12-2 con Landry e Sacchetti. 22' 40-40 Varese fuori giri nella ricerca di Cain, 4 perse in fila con Michele Vitali che pareggia da 3. 26' 48-53 Chiavi dell'area ritrovate e Avramovic graffia in velocità. 3l'53-62 Nonostante i4falli di Cain l'OJM tiene l'inerzia con Larson. 33' 65-64 Varese senza ritmo dall 'arco, 9-0 Brescia con Moss e Luca Vitali da 3. 38' 71-75 Avramovic e Vene allungano di nuovo, ma quinto fallo di Siim a 100" dal termine. a^ss" 77-75 Tre attacchi a vuoto OJM, Landry pareggia da sotto e sorpassa in sospensione. ayse" 77-75 Okoye a vuoto da 3, Varese non può più perdere.