Masnago spinge l'Openjobmetis Stasera al PalA2A si gioca ga-ra-3 dei quarti contro Brescia: Varese non può perdere. Sciascia a pagina 35 Varese, la carica dei cinquemila basket-playoff PaiA2A rovente perl'assalto a Brescia. Avramovic: «Dai, vinciamo!» L'Openjobmetis fa leva sul fattore campo del PalA2A per allungare la serie con Brescia. Stasera a Masnago (palla a due alle 20.45; diretta RaiSport) la formazione di Attilio Caja non ha alternative alla vittoria per proseguire il cammino: indispensabile battere la Leonessa al terzo tentativo per guadagnarsi il diritto di tornare in campo davanti ai propri tifosi nell'eventuale quarto atto di venerdì. Dopo 5 anni di digiuno, le volte di Masnago salutano il ritorno dei play off in una partita che Varese deve vincere a tutti i costi. Lo 0-2 rimediato in trasferta ha il sapore della beffa dopo due partite condotte per quasi 70 minuti; ora però la spinta del pubblico amico può aiutare i biancorossi a trovare quel ritmo balistico mancato all'appello sia a Verona che a Montichiari (13/60 totale da 3 nelle due gare esterne). «Quasi cinquemila persone ci stanno aspettando stasera a casa nostra: i tifosi ci hanno dato una grande mano per tutta la stagione, vogliamo giocare per loro e ribaltare l'esito della serie - conferma Alexsa Avramovic, miglior marcatore dell'OJM in gara 2 -. Nei playoff dominano le difese ed è fisiologico un certo calo delle percentuali di tiro; lunedì siamo stati bravi a coinvolgere maggiormente i lunghi, ora però serve giocare il nostro basket al PalaAZA e vincere stasera per allungare la serie». Nella storia dei playoff italiani solo due volte su 85 una squadra trovatasi sullo 0-2 è riuscita a rimontare e vincere; il margine di errore azzerato non spaventa però l'esterno mancino di Varese, che confida moltissimo sul fattore Masnago per provare a riportare la serie a Montichiari. «Non c'è tempo per i rimpianti, e giocare ogni 48 ore aiuta sotto questo profilo - conferma Avramovic - Siamo decisi a sfruttare appieno la spinta del pubblico: voghamo vincere due volte in casa e poi tomaie lunedì al PalaGeorge per la bella. Sono sicuro che saremo capaci di meritarci un'altra occasione sul campo della Leonessa». L'aspetto mentale giocherà chiaramente un fattore importante in una serie molto più equilibrata di quanto indichi l'attuale doppio vantaggio della Germani. Varese non può sbagliare, ma davanti al suo pubblico sa trasformarsi, come il team di Diana ha imparato a sue spese nel 100-72 del precedente della regular season. A sostenere la squadra di Caja ci saranno quasi 5.000 spettatori con la "marea rossa" delle magliette playoff griffate Openjobmetis ad amplificare l'effetto PalA2A. Giocare ogni 48 ore può pesare nelle gambe di una Varese più corta, ma i tempi di recupero ristretti possono condizionare anche il rendimento dei 5 "over 30" del roster della Leonessa. Ieri i biancorossi hanno lavorato in scarico (solo recupero fisico col fisioterapista) in vista dell' arrembaggio di stasera: potrebbe essere l'ultima partita di una stagione comunque sopra ogni aspettativa, ma Ferrerò e soci vogliono regalare al PalA2 A almeno un' altra notte magica. Giuseppe Sciascia GARA-3 COSÌ IN CAMPO (ORE 20.45): OPENJOBMETIS VARESE 4 Avramovic, 7 Bergamaschi, 8 Natali, 9 Vene, 11 Okoye, 15Tambone, 16 Cairi, 17 Delas, 20 Ivanaj, 21 Ferrerò, 33 Dimsa, 55 Larson. Ali. Caja. GERMANI BRESCIA 4 Hunt (2 Moore), 5 Mastellari, 7 Vitali L, 8 Landry, 10 Ortner, 11 Cotton, 20 Fall, 26 Traini, 31 Vitali M., 34 Moss, 41 Sacchetti. Ali. Diana. Arbitri Sabetta, Biggi, Aronne. Aleksa Avramovic, uno degli uomini cruciali della Openjobmetis Varese (foto Blitz)