- IL LUTTO Addio ad Alberto Mottini mister Coppa delle Coppe Il mondo del basket varesino piange la perdita di Alberto Mottini. L'ex ala della Pallacanestro Varese è scomparso nella notte tra domenica e lunedì a causa di un brutto male che lo ha colpito pochi mesi fa. Immediato il tam-tam tra i tantissimi addetti ai lavori ed appassionati che avevano apprezzato l'umanità semplice e schiva del 59enne "Penna Bianca" . Una grande promessa del vivaio varesino della seconda metà degli anni 70, protagonista grazie ad un jumper morbidissimo nell'ultimissima fase dell'epopea dei trionfi dopo l'esperienza in A2 a Genova e Novara. I tifosi di vecchia data lo ricordano determinante nell'ultimo trionfo europeo di Varese, la finale di Coppa delle Coppe del 1979/80 con coach Dodo Rusconi, dove segnò 22 punti uscendo dalla panchina nel 90-88 contro Cantù. Dal 1980/81 al 1983/84 fu invece titolare fisso a Varese (massimo di sempre i 13.9 punti di media del 1981/82); a28 anni cercò fortuna in A2 - Master Valentino Roma e Napoli -e poi nell'allora B1 a Pordenone, tornando rapidamente a casa dove visse ancora qualche fasto nelle Minors (promosso in serie B2nel 1991/92 a Ca-sorate Sempione nella squadra guidata dall'attuale Ministro dell'Istruzione Marco Bussetti). Giocatore dalle pregevoli movenze tecniche, il suo modo di stare in campo "signorile" ne ha fatto una figura molto apprezzata per lo stile. Dopo essersi allontanato per qualche anno dal mondo del basket avviando una carriera nella Polizia Locale di Cagno, Mottini aveva riscoperto l'amore per la pallacanestro dedicandosi ad insegnare ai giovani a Malnate, Tradate (dove aveva allenato anche il figlio Andrea, 19enne guardia che quest'anno ha debuttato in serie B alla Robur et Fides) e ultimamente all'Aurora Vedano Olona, dove nel 2017/18 aveva allenato gli Under 14. Mercoledì i funerali alle ore 16 alla chiesa parrocchiale di San Martino a Malnate.