Mussini: «Voglio riconquistare Reggio» La decisione II talento torna a casa: «Sarà una sfida con me stesso. Devo meritarmi la serie A» Gabriele Gallo «TORNO a Reggio, casa mia, per rimettermi alla prova. Con orgoglio e tanta voglia di fare, per dimostrare quel che valgo». Con un breve post su Instagram, Federico Mussini ha confermato ieri quello che era ormai nell'aria da giorni: la prossima stagione tornerà a vestire la canotta biancorossa. Che aveva lasciato temporaneamente a fine marzo, dopo un'annata con moltissime ombre e pochi sprazzi di luce, per disputare i playoff di A2 con Trieste: oltretutto vinti e con sue diverse prestazioni più che convincenti. Ora il rientro nella società che lo ha cresciuto e lanciato. MUSSINI, è contento? «È una scelta legata al fatto che voglio provare a dimostrare che valgo la serie A. Cosa che l'anno scorso non mi è riuscita come avrei voluto. Per me si tratta di una sfida soprattutto con me stesso e voglio affrontarla con questo spirito». Aveva altre offerte? «Diverse dalla Serie A2, ma non credo sia corretto fare nomi perché, o per mie valutazioni, o per decisioni di alcuni management, non se ne è fatto niente. Non è un mistero che sarei rimasto volentieri a Trieste neopromossa in serie A. Con loro ho parlato, mi hanno spiegato che avevano già dei contratti pluriennali da portare avanti e che per me non ci sarebbe stato spazio». Il ds della Pallacanestro Reggiana, Alessandro Frosini, ha in diverse occasioni fatto capire che lei giocherà da guardia e non più da playmaker. Potrà essere un problema per lei? «Voglio essere molto sincero: a Reggio devo riguadagnarmi tutto, dovrò conquistarmi ogni minuto sul campo. Sono perfettamente consapevole che il mio ruolo sarà quello di guardia e che prima di ogni altra cosa devo pensa- re a dimostrare di poter stare in serie A, il resto è secondario». Ha già parlato con coach Ca-gnardi? «Si, con lui c'è un rapporto molto sincero e trasparente. Mi ha confermato la sua fiducia ma mi anche detto che dovrò sudarmi ogni istante sul campo. Per questo già quest'estate lavorerò sui miei punti deboli, in particolare la difesa. Ne ho parlato anche con Devis,si-curamente lavorerò sotto il profilo fisico, ma anche sulla mentalità. Devo essere molto, molto più aggressivo». E' pronto anche ad affrontare lo scetticismo di parte della tifoseria sul suo rientro? «Ho fiducia nelle mie capacità, ho motivazioni altissime, non avete idea di quanto voglia dimostrare a tutti quello che posso fare. Le critiche dei tifosi ci possono stare, ma non posso badare a quelle. Ho una sola ricetta in mente: lavoro, lavoro, lavoro». DI NUOVO BIANCOROSSO Federico Mussini aveva lasciato a fine marzo per andare a Trieste con cui ha conquistato la massima serie ai playoff