Basket Le qualificazioni per Cina 2019. A Bologna, ore 20,15: Italia-Polonia. Sacchetti sceglie Brooks Datome spinge gli azzurri: «Prendiamoci due punti mondiali» Giochiamo a Bologna e in un impianto che non ha eguali in Europa. Dobbiamo essere orgogliosi di indossare la maglia azzurra. Dobbiamo Alessandro Gallo ¦ Bologna ITALIA-POLONIA vale tanto, tantissimo, sulla strada che porta ai Mondiali 2019. Gli azzurri, lo sanno - nel girone con Lituania, Polonia, Croazia, Olanda e Ungheria - si sono complicati la vita perdendo le ultime due gare. Stasera al PalaDoz-za di Bologna (20,15) e nel successivo match di Debrecen, in Ungheria, non possono permettersi passi falsi. Gigi Datome, 30 anni, è il capitano della Nazionale di basket. «Giochiamo a Bologna - dice il capitano - in un impianto storico. Ci aspettiamo tanta gente e, almeno per una sera, visto che c'è la Nazionale di mezzo, dovremmo riuscire a mettere d'accordo i tifosi di Virtus e Fortitudo». Datome non è mai stato accostato troppo a BasketCity anche se lui rivela che... «Ci fu qualche contatto con la Virtus Bologna - ammette -, poi i programmi della Virtus Roma mi convinsero e non mi spostai dalla capitale». L'entusiasmo del capitano «Indossare questa maglia è un motivo di orgoglio Onoriamola fino alla fine» Non si sposta dal ruolo di leader. Di più: di dispensatore di entusiasmo. Per Gigi la Nazionale è tanto. «Le polemiche sugli assenti? Ma no, guardiamo oltre. Chi c'è qui, ha scelto di lavorare d'estate, di sacrificarsi per far parte di una squadra importante. La Nazionale ha in testa l'idea di arrivare ai Mondiali. Non li ho mai giocati, l'Italia li manca da tempo. Proviamo a colmare questi due vuoti». Troppo intelligente, Datome, per non capire cosa possa significare un mondiale per l'Italia del basket. «Non stiamo attraversando un bel momento, gli investimenti diminuiscono. Servirebbero per compensare questi due aspetti, idee e progetti. Ma progetti veri, non solo parole». Il progetto dell'Italia, sul campo, è portare a casa due vittorie. «Intanto cominciamo dalla Polonia. Abbiamo qualcosa da farci perdonare nel cammino di queste qualificazioni. scaldare il pubblico perché ci sostenga. Dobbiamo vincere, per suscitare calore e passione». Guarda lontano, Gigi. Più avanti tornerà in Turchia, dov'è un punto fermo del Fenerbahce, insieme con l'altro azzurro Melli. Prima, anzi, prima di tutto, però, c'è l'Italia. Gigi in tutti questi anni non si è mai tirato indietro. Stasera (20,15, diretta Sky) sarà davanti a tutti, a tirare la volata al gruppo azzurro. Debutto per Jeff Brooks, fuori dai 12 Chris Burns e Stefano Tonut. Marco Belinelli, ieri ha pranzato con i compagni dopo aver parlato con il presidente federale Gianni Petrucci». Le altre gare: Croazia-Lituania; Olanda-Ungheria. La Classifica: Lituania 12; Italia 10; Polonia, Ungheria, Olanda e Croazia 9. La Fiba assegna due punti per la vittoria, uno per la sconfitta. ;) RIPRODUZIONE RISERVATA Gigi Datome, 30 anni