BASKET DOMANI ALLE 20,45 IL MEMORIAL PORELLI PRIMA GARA AL PALADOZZA PER I DUE CLUB: LA V NERA DEVE DIMOSTRARE DI ESSERE IN SERIE A L'AQUILA RISPONDERÀ' CON ENERGIA E CUORE Speranze, sogni e sorpassi: il derby non cambia mai Virtus-Fortitudo Dal test dipendono tante risposte Massimo Selleri ¦ Bologna IL DERBY di domani sera tra la Virtus e la Fortitudo rappresenta per entrambe le squadre l'esordio stagionale al PalaDozza. Non è la prima volta che accade, ma è curioso che spetti una gara così significative a tenere a battesimo il parquet di Piazza Azzarita. Rispetto al passato, quando ad esempio si giocava il torneo di Battilani, alcune cose sono cambiate. Adesso Virtus e Fortitudo hanno uno spogliatoio a loro dedicato, mentre fino alla primi anni Novanta anche nel caso del derby virtussini e fortitudini dovevano utilizzare le stesse docce, per cui era necessario calmare i bollenti spiriti maturati durante la gara per non cadere in questa degenerazione. IL CLIMA dei derby precampionato è, però, rimasto immutato. Oggi come allora la Virtus deve vincere e deve vincere bene per dimostrare di essere a pieno titolo una sauadra di buon livello in serie A e se non succede cadono tutte le giustificazioni per quanto oggettive. Dall'essere una squadra completamente nuova, al fatto di non poter fare affidamento su un leader come Pietro Aradori al fatto che Pino Sacripanti per certi versi è un allenatore della vecchia scuola che in questa fase della stagione tende a insistere più sulle cose che non funzionano ma che potrebbero funzionare, testando anche la squadra sulla sua capacità di superare le difficoltà. La Fortitudo, invece, può permettersi di perdere, ma deve dimostrare ai propri tifosi di aver speso sul campo tutte le sue energie. Un atteggiamento che dovrà riprodurre in tutte le gare di campionato e che domani sarà necessario per evitare che la V nera prenda il largo in virtù di una superiorità che almeno sulla carta è presente. ANCHE in questo caso le scusanti non hanno particolare valore, da quella più evidente e che riguarda la differenza di categoria, a quella SHOW L'ultimo derby disputato al PalaDozza è stato anche il secondo di tutti i tempi disputato a livello di A2 (Schicchi) legata al fatto che la squadra bian-coblù è composta da 8 giocatori italiani e 2 americani, mentre quella bianconera ha al suo servizio 6 stranieri e 6 italiani. Piazza Azzarita «sold out» In via dell'Arcoveggio vendute 3.613 tessere: la stracittadina verso il tutto esaurito La Virtus continua a preparare questo appuntamento al completo (Aradori escluso), sapendo che il memorial Porcili non è un evento qualsiasi ma è il ringraziamento per quello che l'avvocato Gigi Porcili e sua moglie hanno fatto creando il mito della V nera. INFINE SI E'CHIUSA la fase della compagna abbonamenti dedicata a chi aveva il diritto di prelazione: vendute 3.613 tessere. Da martedì libera vendita online e nei punti vendita Vivaticket oltre che nella sede Virtus di via dell'Arcoveggio 49/2. © RIPRODUZIONE RISERVATA