La Virtus si regala Ovale A Venezia è già un esame Rinforzo II lungo si è allenato: oggi compie 30 anni TURNOVER LA PRESENZA DEL CENTRO PERMETTE A SACRIPANTI DI AVERE PIÙ'CAMBI Massimo Selleri ¦ Bologna BRIAN QVALE torna a pieno ritmo nei ranghi della Virtus. Il centro statunitense ieri ha svolto tutto l'allenamento con i suoi compagni e questo lascia presagire che domani sarà a disposizione di Pino Sacripanti nella difficile trasferta di Venezia. Il ritorno del capitano bianconero, che oggi compie 30 anni, è importante per diversi motivi, intanto la squadra recupera una buona fisicità e questo è un dato da non sottovalutare, soprattutto quando si affronta una competizione europea. IL SECONDO aspetto probabilmente è una diretta conseguenza del primo: per poter reggere il doppio impegno non ci devono es- sere assenze prolungate, altrimenti si rischia di chiedere uno sforzo eccessivo agli altri giocatori, esponendoli tra l'altro a nuovi infortuni. Non occorre aggiungere altro per mettere nella categoria delle buone notizie il fatto che Qvale sia stato pienamente recuperato. Fino a qui la V nera ha raccolto buoni successi in trasferta, Trieste e Avellino, mentre in casa deve ancora raccogliere i due punti in palio. Con Milano ha venduto cara la pella, mentre è crollata psicologicamente con Cremona, ora contro Venezia occorre ritrovare quella compattezza che ancone martedì sera contro il Bayreuth è un po' mancata. Sarà stata la stanchezza, sarà la voglia di far bene e di riscattarsi, ma soprattutto in attacco gli esterni hanno suonato il proprio spartito, non quello corale. STA UN PO' mancando quell'intesa che sembra essere naturale tra Kevin Punter e Tony Taylor, ma potrebbe trattarsi di una semplice flessione che non si può sganciare dal contesto. Fino a qui la Virtus si è distinta per il gioco di squadra e quanto visto nelle ultime due gare ufficiali potrebbe essere un semplice passaggio a vuoto. Resta il fatto che contro la Reyer servirà la miglior prestazione possibile per tenere testa ad un avversario che è stato costruito per provare a mettere i bastoni tra le ruote alla corazzata Milano. Il roster lagunare è profondo e come raccomanda spesso Sacripanti ad i suoi ragazzi, per provare a vincere le partite bisogna avere il controllo del ritmo. Certo è che terminato questo ciclo di ferro la Segafredo deve comunque mettersi a macinare punti e trovare la strada della continuità anche in campionato. © RIPRODUZIONE RISERVATA Aspettando gli altri Usa La V nera si aspetta di più dall'intesa tra Punter e Taylor, soprattutto in attacco PRESENTE Brian Qvale, a sinistra, centro di 30 anni (Gamillo)