LE PAGELLE Peric, la bibbia del basket Strautins conferma un momento magico Coronica 6 La solita grinta, il solito cuore oltre l'ostacolo e tre tentativi (falliti ndr.) per iscriversi a referto. Sonoi tre rimbalzi e la difesa e far giurisprudenza. Knox 7 Tirato a lucido a livello fisico, con qualche chilo in meno e più dinamismo non stenta ad entrare nel match; 12' e 10 punti danno morale e fanno dimenticare l'infortunio al gomito. Fernandez 7 Sera in pantofole con telecomando in mano; non forza nulla e per buona parte del match sembra essere un lusso che Dal-masson non vuole sfruttare compiutamente. Poi si prende due tiretti, li mette e in 16' si guadagna la sufficienza. Strautins 8 Vive un momento d'ispirazione simile a quello di Baudelaire con l'assenzio. Nel primo tempo è un'arma totale capace di colpire da ogni parte, un mix di precisione, fisicità e atletismo. Chiude con 18 punti, 9 i rimbalzi, 5 falli subiti. Wright7 La consueta regia in controllo. Invisibile nel segnare 10 punti, tiri presi con letture precise, 7 assist di straordinaria importanza e nessuna pretesa offensiva, cosa non secondaria per un regista. Silins 7/8 Se solo il lettone, in una serata di grazia al tiro da fuori, mettesse nel bagaglio la finta di tiro con pe- netrazione, parleremmo di un americano aggiunto. 5 triple, i 20 punti in 23' fanno capire quanto l'Alma ha potenziato un motore già aggressivo. Serve però altro tecnicamente nelle serate negative a livello balistico. Cavaliero 6 Un antisportivo, un fallo tecnico con conseguente espulsione automatica; 0/4 al tiro in 20', pochino in una sfida però che per pathos non rappresenta l'ispirazione massima per 1' "uomo di Casale". Rimarchevole difesa su Dominque Johnson. Mosley 7 Consueta energia sui 28 m, solita produzione ormai d'origine controllata: 9 punti e 12 rimbalzi. Peric 8/9 Uno degli ultimi fini esecutori con il manuale del basket sotto il braccio; piede perno, tiri di destro e di sinistro, finte, una posizione profonda che toglie ogni angolo al difensore. Il clinic si ferma per la standing ova-tion: 23 punti, 3 rimbalzi e 3 assist. Ali. Dalmasson 7 Come sempre le assenze non turbano il suo "sistema", l'intercambiabilità degli effettivi (ha scelto lui questo tipo di squadre) crea produzione di squadra costante. Centellina i giocatori, leggermente arrabbiato per un divario che poteva essere più rassicurante. Raffaele Baldini