GLI AVVERSARI Parla coach Pashutin: «Troppi errori» «Per noi una brutta battuta d'arresto dobbiamo imparare la lezione» " BRINDISI - Coach Evgeny Pashutin in conferenza stampa si mostra molto amareggiato per la brutta battuta d'arresto della sua squadra, arrivata a Brindisi con il vento in poppa: «Non ci era mai successo durante la stagione di fare una partita di questo tipo», ammette il coach russo. «Durante la settimana ci eravamo imposti di dover mantenere il controllo del ritmo della gara, ma non essendoci riusciti ci siamo adattati al gioco di Brindisi, e questo è andato bene per i padroni di casa ma non per noi. Abbiamo provato a reagire, soprattutto nel secondo, nel terzo e nell'ultimo quarto, ma il 22 a 5 dei primi dieci minuti ha indirizzato la partita, e su questo campo ovviamente rientrare non è facile. Venivamo da tre successi di fila e forse inconsciamente pensavamo che tutto fosse facile, ma le squadre ovviamente si adattano a noi, quindi dobbiamo im- parare la lezione e non dobbiamo commettere gli errori commessi questa sera. Dobbiamo muovere il pallone e non andare uno contro uno o puntare sul corri e tira come abbiamo spesso fatto stasera». Le 18 palle perse da Cantù contro le sole 7 di Brindisi hanno pesato in maniera importante. Sul tema tattico della partita Pashutin dichiara: «Ci eravamo preparati ad affrontare la loro difesa su una certa situazione di pick and roll, ma nonostante l'avessimo preparata, abbiamo comunque sbagliato e di conseguenza abbiamo perso tanti palloni. Poi quando abbiamo iniziato a lavorare su questa situazione come avevamo preparato, abbiamo trovato anche qualche tiro aperto. Abbiamo giocato con il fuoco e ci siamo fatti male», conclude il coach canturino. A.Pez.