BASKET SERIE A TORNA IL SORRISO DOPO TRE SCONFITTE NEI 20 MINUTI CENTRALI DEL MATCH GLI OSPITI HANNO REALIZZATO SOLO 26 PUNTI: E' STATA QUESTA LA CHIAVE DEL SUCCESSO REGGIANO La Grissin Bon è più cattiva: sono punti d'oro Battuta Varese grazie alla difesa, alla voglia di sacrificarsi e al controllo delle aree colorate G rissi n Bon Openiobmetis GRISSIN BON: Llompart 11 (1/1, 3/5), Ledo 27 (5/9, 3/11), De Vico 3 (1/1, 0/1), Griffin 8 (3/5), Cervi 8 (3/5); Mussini 6 (2/5), Candì 6 (2/2, 0/3), Gaspardo 5 (2/3, 0/1), Elonu, Dellosto. N.E. Cipolla e Vigori. Ali. Cagnardi OPENJOBMETIS: Moore 7 (2/3,1/4), Avramovic 9 [1*11, 0/3), Scrubb 5 (0/2, 1/3), Archie 22 (3/6, 5/11), Cain 15(7/9); lannuzzi 1 (0/1),Tambone7 (1/1, 1/4), Ferrerò (0/1 da 3), Bertone 2 (1/4, 0/1), Natali. N.E. Gatto e Verri. Ali. Caja Arbitri: Begnis, Bettini e Capotorto NOTE- Parziali tempi: 16-21, 33-33, 52-47. Tiri liberi: Grissin Bon 16/25, Varese 8/13. Antisportivo a Mussini al 29'54 (52-43). Rimbalzi: 34-33 per la Grissin Bon. Spettatori 3.435 per 66.706 euro Daniele Barili! BEH, NON starete mica lì a storcere il naso? Non comincerete mica a dire che la Grissin Bon ha vinto ma non è che abbia giocato la miglior partita della storia? Non vorrete mica mettervi lì, insomma, a fare i diffìcili, eh? Perché, vi diciamo la verità, a noi la squadra vista ieri è piaciuta. E' vero: non è stata scintillante e spettacolare. Ed ha sbagliato troppo, compreso qualche rigore a porta vuota. Però ha, finalmente, ringhiato come doveva ringhiare. Ha tirato fuori la sua anima sporca. Ha avuto coraggio e voglia di sacrificarsi. Ha lottato e sofferto. Ha dovuto combattere anche contro la sfortuna che dopo averle tolto Butterfield in settimana, si è accanita su Elonu, De Vico e, soprattutto, Cervi che ha accusato un infortunio la cui entità la si conoscerà solo oggi. Ma, alla fine, arrampicandosi su tutti gli specchi della partita, la Grissin Bon è riuscita a portare a casa un successo fondamentale per costruirsi un futuro. L'ha vinta, la compagine biancorossa, un po' con la difesa, un po' con il cuore e un po' con la sana follia di Ledo, partito maluccio e diventato inarrestabile nella ripresa (21 punti e 6/11 al tiro) soprattutto sul rettilineo d'arrivo quando ha preso sulle spalle tutta la squadra e l'ha letteralmente trasportata oltre il filo di lana. L'ha vinta anche, la Grissin Bon, perché per 40 minuti ha dato l'impressione di aver più voglia di vincere degli avversari. L'ha vinta controllando le aree colorate e spuntandola nella battaglia a rimbalzo, malgrado Cagnardi sia stato cotretto a giocare a lungo con Griffin da centro puro. L'ha vinta, infine, perché nei 20 minuti centrali del match la compagine reggiana, ha concesso ai varesini solo 26 punti. Guadagnando fiducia e serenità. E minando, invece, le certezze ospiti. NON A caso, proprio nella ripresa, la Grissin Bon ha preso in mano con decisione la partita. Perché la partenza con un quintetto lungo e atipico con Ledo e De Vico a fare gli esterni al fianco di Llompart, era discreta ma faticosa. Reggio doveva a lungo inseguire e, in un paio di occasioni (11-16 e 22-26), Varese provava ad allungare. Mussini e, soprattutto, un sontuoso Llompart ricucivano la partita e la Grissin Bon riusciva a reggere nel suo fortino difensivo, andando al riposo sul 33 pari. Poi, in avvio di ripresa, con un Griffin finalmente tonico e cattivo, la compagine di Cagnardi si rendeva conto che il lupo non era poi così brutto come qualcuno l'aveva dipinto. E, allora, tanto valeva provarci per davvero. La Grissin Bon inseriva qualche marcia un po' più alta, schiacciava sull'acceleratore e capiva che il suo motore aveva qualche giro in più di quello lombardo. Tanto che i reggiani salivano sul più 9 sul 52-43. Un vantaggio che l'Ope-njobmetis non colmava più. Gli ospiti, infatti, non erano in grado di risalire la corrente dell'incontro malgrado i biancorossi fossero costretti a giocare a lungo con un quintetto basso e Griffin a fare il pivot. E malgrado uno scatenato Archie (12 punti e 3/5 da 3 nell'ultimo quarto) che con l'ennesima tripla riportava Varese a meno 2 (67-65) facendo correre brividi infiniti su tutti i gradoni del palasport. Ci pensava però Ricky Ledo a cancellare tutti i fantasmi, continuando a martellare la retina ospite. Poi Griffin, a 34 secondi dalla fine, recuperava il pallone della vittoria su una rimessa varesina che poteva ancora cambiare la storia del match. Tanta fatica, tanta sofferenza e tanta gioia. Quel che contava era portare a ca- sa questo successo che tiene a de- timori. E guai a voi se provate a lamentarvi- Kirn rlictonvn t-t-ittc* le* rtrtc'ic* e* tutti i i bita distanza tutte le ansie e tutti i INFORTUNIO ALL'INGUINE PER CERVI: OGGI IL VERDETTO NELL'ULTIMO QUARTO DEL MATCH RICCARDO CERVI, REDUCE DA UN PAIO DI CANESTRI MOLTO IMPORTANTI, HA CHIESTO IL CAMBIO PER UN PROBLEMA ALL'INGUINE: OGGI SI SAPRA' LA GRAVITA' DEL SUO INFORTUNIO DOMENICA LA SUPER-SFIDA AL FORUM DI MILANO LA GRISSIN BON TORNERÀ' IN CAMPO DOMENICA POMERIGGIO AL FORUM DI MILANO PER SFIDARE, IN UNA PARTITA SICURAMENTE IMPARI, L'AIX ARMANI IN QUELLA CHE E' UNA DELLE GARE PIÙ' BELLE E DIFFICILI