Le pagelle L'ala fa la differenza nella ripresa con 21 punti e 6/11 al tiro Ledo cancella ansie e fantasmi Federico Mussini (14 minuti, 2/5 da 3,2 rimbalzi, 6 punti). La luce in fondo al tunnel. Un raggio di sole spunta nel suo cielo, da troppo tempo nuvoloso e burrascoso. E' bravo a sfruttare l'occasione che gli regala l'infortunio di Butterfield e a rivelarsi utile su entrambi i lati del campo. Voto 6,5 Ricky Ledo (36 minuti, 5/9 da 2,3/1 Ida 3,8/U ai liberi, 9 rimbalzi, 3 perse, 2 assist, 27 punti). L'ha vinta lui. Con la sua sana follia e quel talento, straordinario, che madre natura gli ha concesso. E pazienza se, ogni tanto, va fuori giri. Nel finale, però, da vero gladiatore spazza via tutta la difesa di Varese. Voto 8 Leonardo Candi (29 minuti, 2/2 da 2,0/3 da 3,2/2 ai liberi, 3 rimbalzi, 3 recuperate, 2 perse, 6 assist, 6 punti). La cerniera difensiva che chiude la porta del canestro bianco-rosso. Quel che ha fatto ieri Candi su Avramovic è stato straordinario. Leo ha fatto usci- re dalla partita il giocatore più temuto, mandandolo in tilt. Bravissimo. Se poi, ogni tanto, segnasse da 3 punti, noi gliene saremmo grati. Voto 7 Raphael Gaspardo (17 minuti, 2/3 da 2, 0/1 da 3, 1/1 ai liberi, 1 rimbalzo, 1 recuperata, 1 persa, 5 punti). Segnali di vita dal pianeta Gaspardo. Finalmente in crescita. Porta la sua brocca d'acqua nelle borracce biancorosse. Voto 6 Chinemelu Elonu (9 minuti, 2 rimbalzi, 1 persa). Quando è in campo fa tutta la differenza del mondo. Il problema è che tra problemi fisici e falli, si intristisce troppo spesso in fondo alla panchina. Voto 6 Riccardo Cervi (23 punti, 3/5 da 2,2/2 ai liberi, 2 rimbalzi, 1 persa, 8 punti). Accidenti-acci dentaccio: stava ingranando e stava mettendo insieme una partita di sostanza quando un dolore all'inguine lo ha costretto alla resa. Speriamo non sia grave. Voto 6,5 Eric Griffin (27 minuti, 3/5 da 2,0/3 da 3,2/5 ai liberi, 6 rimbalzi, 1 recuperata, 3 perse, 3 assist, 8 punti). Il grifone ha aperto le ali. E ci è piaciuto. Perché al di là dei consueti alti e bassi e dei limiti tecnici, ha giocato con la giusta rabbia agonistica. Reggendo il ruolo da pivot e recuperando il pallone decisivo a 34 secondi dalla fine. Voto 6,5 Pedro Llompart (26 minuti, 1/1 da 2,3/5 da 3,4 rimbalzi, 1 recuperata, 2 perse, 1 assist, 11 punti). Una partita da leader. Una partita di lotta e di governo. All'inizio si sostituisce a Butterfield e trova canestri fondamentali. Nella ripresa mette il pilota automatico ed è quasi perfetto nella gestione della squadra. Voto 7 Niccolò De Vico (19 minuti, 1/1 da 2,0/1 da 3,1/1 ai liberi, 2 rimbalzi, 2 recuperate, 1 persa, 3 punti). Parte in quintetto e parte bene. Poi si procura un lieve infortunio e sparisce un po' dalla partita. Voto 6 Daniele Barilli BRAVO L'esultanza di Ledo sono punti d'oro ESr e al controllo delle aree colorate p"!*»i«> «Vinta con cuore e grinta»