Il giovane lettone ingaggiato la scorsa estate con un triennale è tra i migliori biancorossi Strautins, che colpo: 15 punti di media e tanta personalità Arturs Strautins Foto Bruni LANOTA Roberto Degrassi /Trieste Potrebbe rivelarsi il vero colpo di mercato. Di sicuro l'avvio di campionato da parte di Arturs Strautins è impressionante. Il giovane lettone, 20 anni appena compiuti, è alla quarta partita consecutiva in doppia cifra, ha una media-gara di quasi 15 punti, tira con il 40% da tre, conquista cinque rimbalzi e sta dimostrando parecchia personalità. Impiegato per necessità in passato come ala forte tattica sia nella sua Nazionale a livello Under che a Orzinuovi in serie A2, zitto zitto è diventato l'ala piccola titolare dell'Alma, spodestando Devondrick Walker ancora prima che l'esterno Usa dovesse fermarsi ai box. Arrivato la scorsa estate e bloccato con un triennale, inizialmente Strautins sembrava destinato a essere un buon cambio con attitudine a diventare un difensore scelto sulle ali avversarie. Il primo mese e mezzo di serie A, tuttavia, sta dimostrando che il giovanotto ha anche più frecce al suo arco di quanto si potesse credere. Un bel prospetto su cui lavorare, per coach Eugenio Dal-masson. Un eccellente investimento per la società biancorossa, visto che il cartellino di Strautins è almeno raddoppiato nel frattempo. Il giovane lettone contro Pistoia ha dimostrato inoltre di poter coesistere bene con l'esperienza e la classe di Hrvoje Peric. Il croato, risolti i problemi fisici, incomincia a produrre quanto sa. Leadership, un'ampia gamma di soluzioni, un senso tattico raffinato e una puntuale lettura delle situazioni. Aggiungiamoci che, come Teo Da Ros, non è poi così raro vederlo salire in attacco portando palla. A Peric non si chiedeva di essere necessariamente il top scorer di Trieste ma sta tenendo una media di quasi 17 punti di media - a ridosso della top ten dell'intera serie A - e, particolare interessante, para-metrando il suo rendimento offensivo sui 40 minuti sarebbe addirittura il secondo realizzatore del campionato dopo l'irraggiungibile cecchino reggiano Ledo. Con Peric in condizione e Strautins, nell'ultima giornata l'Alma ha anche variato il gioco in attacco, ricorrendo meno al tiro da tre e non a caso più della metà dei punti è stata costruita in area. Una scelta, va comunque ricordato, sulla quale ha inciso anche l'assenza di Sanders e Walker e di conseguenza con un parco esterni ridimensionato e ulteriormente assottigliatosi in corso d'opera in seguito all'espulsione di Daniele Cava-liero. 7 BY NC NDALCUNI DIRITTI RISERVATI