FORUM ALLA NUOVA: 3 PRESIDENTI IN DIRETTA FACEBOOK Dinamo, Cagliari, Olbia: tris d'assi I presidenti Marino, Sardara e Giulini alla Nuova La Dalla è rotonda, che sia da basket o da calcio. La palla è una come una è stata la Sardegna dello sport ieri mattina, rappresentata a Sassari, nella sede della Nuova Sardegna, dalle sue eccellenze: Cagliari, Dinamo e Olbia. Due scudetti cementati nella storia dei Quattro Mori, e un pizzico di storia e insieme freschezza gallurese. Per la prima volta insieme, Cagliari e Dinamo hanno animato un Forum. A condividere problemi e proposte, a fare fronte comune nell'interesse dell'isola sportiva con la Nuova Sardegna e il suo direttore Antonio di Rosa a unire e legare. Il presidente del Cagliari Tommaso Giulini, all'esordio ufficiale pubblico a Sassari, il numero uno della Dinamo Stefano Sardara e il patron dell'Olbia Alessandro Marino si sono divertiti, sono stati coinvolgenti e hanno raccolto il consenso dell'esigente pubblico della pagina Facebook della Nuova. I FORUM DELLA NUOVA UN NUOVO CORSO Fronte comune Dinamo-Cagliari per unire la Sardegna sportiva I presidenti Sardara, Giulini e Marino dell'Olbia a tutto campo tra presente e futuro di Mario Carta e Roberto Muretto » SASSARI La palla è rotonda, che sia da basket o da calcio, che gonfi una rete o spacchi una retina. La palla è una come una è stata la Sardegna dello sport ieri mattina, rappresentata a Sassari, nella sede della Nuova Sardegna, dalle sue eccellenze: Cagliari, Dinamo e Olbia. Due scudetti cementati nella storia dei Quattro Mori, e un pizzico di storia e insieme freschezza gallurese. Per la prima volta insieme, Cagliari e Dinamo hanno animato un Forum che più che faccia a faccia le ha messe spalla a spalla fra sorrisi, ammiccamenti, complimenti reciproci. A condividere problemi e proposte, a fare fronte comune nell'interesse dell'isola sportiva con la Nuova e 0 suo direttore Antonio di Rosa a unire e legare, fino alla cordiale stretta di mano - non la prima e non l'ultima, fra due uomini di sport e di azienda che si conoscono e si stimano da tempo - che ha concluso l'incontro aprendo insieme a iniziative comuni, peraltro già in cantiere. Si comincerà con una doppia sfida calcio-basket. Il presidente del Cagliari Tommaso Giulini, all'esordio ufficiale pubblico a Sassari; il numero uno della Dinamo Stefano Sardara e il patron dell'Olbia Alessandro Marino si sono diveltiti, sono stati coinvolgenti e hanno raccolto il consenso dell'esigente pubblico della pagina Facebook della Nuova. Giulini - sostenuto da Marino - ha ammesso di invidiare a Sardara «la mentalità vincente che è riuscito a creare in questi anni di grande basket a Sassari, qualcosa che stiamo cercando di costruire con Maran». Dal suo canto il numero uno del basket sardo ha ammesso che al suo omologo del calcio ruberebbe invece «il coraggio e l'amore col quale sta portando avanti il suo progetto. Tommaso non è sardo, e a maggior ragione va elogiato. Sono stato da loro, anche se ho tifato Milan. E anche Giulini ha un passato interista... - ha sorriso il presidente biancoblù -. Hanno una grandissima organizzazione, stanno spiccando il volo. Quel- lo che ci unisce, poi, è la sincerità». E Alessandro Marino a Giulini invece prenderebbe «qualche giocatore a caso, senza sceglierli...». Cagliari, Dinamo e Olbia. Tre realtà vincenti. E quando si è parlato di sistema-sport e di economia, il discorso ha coinvolto l'intera isola. Con il Cagliari in sinergia con l'Olbia in serie C e la Dinamo che ha gemmato la Academy Cagliari in A2. Due società accentratrici? Dietro di loro il deserto? No. «La Sardegna può esprimere una squadra in B. Spero che sia l'Olbia, ma anche altre realtà possono crescere», ha sostenuto Giulini, mentre Stefano Sardara («E la Torres almeno in C ce la mettiamo?... si era inserito poco prima) ha difeso il progetto Academy ribadendone la piena autonomia. «Abbiamo un ottimo rapporto con Cagliari - ha spiegato Sardara -, ci ha portati lì il grande affetto dei cagliaritani». «Siamo tre realtà im-portanti-haproseguito Giulini -. Con Sassari c'è rivalità sportiva ma spero che tutti e tre con le nostre capacità imprenditoriali possiamo contribuire a portare in alto la Sardegna, partendo dai giovani. La Dinamo è stata grande ottenendo uno scudetto che, anche se non si può accostare a quello del Cagliari - ha scherzato ma non tanto -, è stato incredibile». Olbia dal Cagliari e Academy dalla Dinamo. Due progetti mirati alla crescita dei giovani. «Barella, Murru, tanti sardi stanno crescendo. La nostra Under 15 per la prima volta gioca nel campionato nazionale - ha proseguito il numero uno rossoblu -ed è prima in classifica, l'ho vista domenica in casa dell'Inter e c'erano i più importanti procuratori d'Italia. Ne sono orgoglioso, c'è bisogno di confrontarci fuori dall'isola». «In Sardegna negli ultimi 4 anni i tessera- ti del basket sono raddoppiati, abbiamo vinto lo scudetto Under 18 Élite. Ora stanascendo il progetto federale Next Generation - ha proseguito Sardara -, avremo la nostra giovanile nel nazionale e questo renderà ancora più autonoma Cagliari. Ma ora dobbiamo coordinarci, tutti stiamo cercando di fare di una società sportiva un'azienda, è un processo culturale inevitabile. E in questo processo è compreso lo sviluppo delle giovanili». Tre realtà concrete, tre modelli. Ed esserlo vuol dire avere delle responsabilità nei confronti degli sportivi sardi. «E' un senso di responsabilità enorme - ha spiegato il patron del Cagliari - nei confronti dei tifosi, e questo l'ho avuto bene in mente sin dal primo giorno. Credo che in questi anni siamo riusciti a coinvolgere sempre di più tutto il territorio, a ridare in un certo qual modo una squadra alla città e alla Sardegna. E' la nostra mission, insieme a quella di fare punti». «L'Olbia nasce prima del Cagliari, ha una tradizione secolare - ha proseguito Marino -, la squadra ha un'identità precisa e chi la gestisce ha il dovere di fare il meglio, cercando di coinvolgere olbiesi e territorio in un'unico sistema. Penso, per esempio, al Mater Olbia». E c'è l'intenzione di collaborare e condividere proposte e iniziative, con la Sardegna un tutt'unico a unico vantaggio della Sardegna, con vantaggi in tennini sportivi, economici e di immagine. «Lo stiamo già facendo - ha risposto Sardara, -nel senso che stiamo già interagendo attraverso la Regione. Il campanilismo aziendale non esiste, lavoriamo insieme e uno più uno fa tre». «Sono d'accordo - ha proseguito Giulini -, e anche il fatto che io sia qui a Sassari, per la prima volta in quattro anni, lo dimostra. E ci tengo a sottolinearlo». Si è parlato di tutto. Del numero delle squadre nei vari campionati, di insularità e dei problemi collegati o... non collegati, di come le principali squadre sportive sarde si siano sapute costruire una credibilità solida dal punto di vista sportivo come economico, tanto da renderle appetibili anche a campioni - sia del basket che del calcio -, che qualche anno fa avrebbero nicchiato una volta ricevuta la proposta di un trasferimento nell'isola. Si è parlato di Europa. Con la promessa del Cagliari di tornarci il prima possibile, e con la presenza ormai costante della Dinamo: «Le coppe sono tutto, senza le coppe i club non possono crescere - ha raccontato Stefano Sardara -. Si incontrano altre culture, a ogni canestro nostro a Leicester esultavano. Abbiamo imparato che noi dobbiamo essere professionali e bravi, a prescindere. Una capacità che si migliora, giocando dalla Siberia alle Canarie». E in conclusione si è parlato di Sardegna e di sardi: «È uno dei giochi più belli con i nuovi arrivati, anche nel posto più sperduto del mondo in tribuna c'è una bandiera sarda. Parenti? Mi chiedono. No, tifosi», ha ricordato Sardara, mentre Giulini ha raccontato di come nei suoi frequenti viaggi di lavoro all'estero entri spesso a contatto con tifosi del Cagliari: «E' l'aspetto più bello della mia attività. Dal Medio Oriente agli Usa, mi riempie il cuore che la mia solitudine sia spezzata da un sardo che mi fa capire quanto è importante il Cagliari». Poi, i saluti. Microfoni spenti ma non i sonisi. Ciascuno per la sua strada, di nuovo, ma lungo una 131 che da ieri unisce un po' di più Sassari e Cagliari - anche attraverso Olbia-, grazie allo sport. Nessuna rivalità: «È la prima volta che vengo a Sassari, anche questo ha un significato», spiega il patron rossoblu E la Dinamo è d'accordo: «Il campanilismo aziendale non esiste» Le tre eccellenze dell'isolasi raccontano senza veli Le sinergie con l'Olbia in serieCel'Academyin A2, il lavoro sui vivai e un concetto base: le società sportive come aziende ? ? Scudetto, sogno magico Rossoblu tra le prime 10 Iplayoff per traguardo ¦ ¦ I tifosi hanno un sogno magico: «Ci conoscono (nella foto Bamforth), abbiamo conosciuto le vittorie, lo staff sta lavorando molto bene, qualche passo falso ci sarà ma c'era anche quando abbiamo vinto lo scudetto. E anche allora Milano faceva un altro sport...». ¦ ¦ «Mi aspetto un campionato importante, nella prima metàdella classifica. Ho tanta fiducia nei miei giocatori. Il mio auspicio è che altri calciatori del Cagliari, oltre a Barella (nellafoto, Srna), possano essere convocati con la Nazionale». ¦¦ «Non posso promettere la promozione in B. La squadra che abbiamo costruito è la più forte della mia gestione, forse di sempre. Dobbiamo credere nei playoff. un traguardo alla nostra portata, E a gennaio arriverà qualche rinforzo», ha detto Marino. BOTTA E RISPOSTA FRA LEADER «C'è spazio per una realtà sarda in serie B, spero sia l'Olbia...» ha detto Giulini. «E un posto per la Torres in C, no?», ha replicato Sardara. Poi, il numero uno Dinamo ha ricordato la sua visita alla Sardegna Arena,e l'apprezzamento per il mondo Cagliari. «Ma hai tifato per il Milan», gli ha fato notare Giulini. «Anche tu però prima tifavi... a strisce», ha replicato Sardara riferendosi ai trascorsi interisti di Giulini. DUE MODELLI DA IMITARE Cagliari e Dinamo come le punte di due iceberg che sotto hanno tanto da dare e da dire, e crescono. Fanno da traino, da calamita grazie a lavoro e programmazione. Anche così, grazie al loro esempio, da alcuni anni numerosi sardi giocano ad alto livello, nel basket e nel calcio. Da Sirigu a Murru, Deiola e Barella, da Spissu a Chessa fino a Gal lizzi (nella foto) e alla promessissima Sasha Grant. ***. f PRESIDENTI CAMPIONI L'amicizia tra Tommaso Giulini e Alessandro Marino risale ai tempi dell'università. Erano titolari nella nazionale universitaria vice campione d'Europa. Il patron del Cagliari era il portiere, il presidente dell'Olbia (nella foto), che ha un passato anche nel Pescara, un prolifico attaccante. Una passione per il calcio che dal campo e dai banchi dell'università si è poi trasferita dietro una scrivania. LO STADIO, UN PROBLEMA OLBIESE Il Cagliari procede con il progetto nuovo stadio, la Dinamo aspetta che il Comune compia passi in avanti per l'ampliamento del Palazzetto dello Sport, Olbia piange. Il problema strutture (nella foto il Nespoli di Olbia) per qualcuno è più problema che per altri. «C'è bisogno di una sinergiacon le istituzioni - haspiegato il presidente Alessandro Marino -, quello dello stadio è un fattore cruciale per crescere». SHANE LAWAL E LO SCUDETTO «Nel calcio se perdi quella determinata partita è una sentenza, nel basket ci sono i playoff». Stefano Sardara racconta il 2015. «Ero nero per una sconfitta che ci ha fatto partire quinti invece che quarti nella griglia, e Shane Lawal (nella foto) mi ha detto sereno: tranquillo presidente, tanto dobbiamo vincerne una in più degli altri. Lo hanno fatto, ed è arrivato lo scudetto». Sardara, in alto Giulini e in grande il forum moderato dal direttore della Nuova Sardegna Di Rosa, con Marino a destra