Dal Ricreatorio Padovan il tecnico ospite ad "Aperitivo sotto canestro" «Contro Pistoia bella prestazione al di là della debolezza dell'avversario» Franco Stibiel, il maestro «Che brava questa Alma E Peric mi è sempre piaciuto» IL PERSONAGGIO Raffaele Baldini/Trieste Un maestro ad "Aperitivo sotto Canestro", un predicatore in sandali (a novembre non è male) giunto dal suo Ricreatorio Padovan: è ovviamente Franco Stibiel, presente all'Allianz Dome nella vittoriosa partita di campionato dell'Alma contro Pistoia. Le prime considerazioni sono atte a tracciare un quadro sulla prova degli uomini di Dal-masson: «Bella prestazione, quando vinci di 30 spesso il giudizio è affrancato da un lavoro facilmente svolto, ma non è così al momento della palla a due : la squadra ha saputo mettere e nudo i limiti di un'avversaria oggettivamente debole. A parte Krubally e il Johnson con la "D" (Dominique, ndr), il resto mi è sembrato inconsistente per la serie A. Non a caso avevo amici a fianco che già proiettavano le scommesse su un filotto di sconfìtte toscane. Trieste è stata brava in prima battuta a servire quasi esclusivamente i lunghi, con Peric dominante; poi si è sciolta nella consueta transizione con l'ispirata vena di Strautins e Silins, ritrovato dopo l'ultima prestazione opaca». A proposito dei singoli, Peric, Strautins e Silins sono i valori aggiunti? «Peric mi è sempre piaciuto, sin dai tempi di Venezia quando lo seguivo indirettamente per le vicende legate al nostro "Tonnetto" (Stefano Tonut, ndr). Giocatore abile tecnicamente, uno di quelli in grado di allungarsi la carriera grazie alla conoscenza della materia. Bravissimo il soggetto che in società ha scovato Strautins; giovane grintoso, fisico, in grado di fare tante cose. Silins conferma le buone cose fatte vedere a Trento e Reggio, sempre però ancorato al tiro da tre punti. Se troverà la bidimensionalità penetrando? Secondo me 1' "entratina" è giànel suo bagaglio...». Eugenio Dalmasson sembra smontare la tesi dei grandi allenatori degli anni '80 secondo cui il miglior roster era quello composto da 6/7 titolari e i restanti a sventolare l'asciugamano: «Beh, vedremo chi avrà ragione alla prossima partita, visto che Pesaro gioca proprio con 7 elementi al massimo. A parte gli scherzi, rimango dell'idea che la squadra si fonda su 6/7 giocatori che fanno la differenza, più complementi (non è detto che siano sventolatoti di asciugamani) a supporto». E l'amato Ricreatorio Padovan? «Purtroppo oggi i ricreatori possono solo rivolgersi ai ragazzini delle elementari, viste le limitazioni dettate dal Servizio Integrazione Scolastica. Non ci abbattiamo comunque e fra poco avremo un progetto da presentare aH'ammi-nistrazione comunale, un torneo Minibasket fra ricreatori, insomma...è già qualcosa. E grazie alla fondazione Ana-nian, portiamo una quindicina di ragazzini ogni volta al pa-lazzetto per godere dello spettacolo della serie A».  Franco Stibiel ospite di "Apertivo sotto canestro" con inostri Roberto Degrassi e Raffaele Baldini