BASKET CHAMPIONS ORE 18 A ISTANBUL L'ESTERNO DOVRÀ' STARE FERMO ALMENO PER TRE SETTIMANE, SACRIPANTI NON CERCA ALIBI: «OGNUNO DEVE DARE IL PROPRIO CONTRIBUTO» Virtus, passa dalla Turchia la strada per rialzarsi Senza Martin Contro il Besiktas manca l'americano PRONT Kevin Punter, 25 anni, guardia della Virtus (Ciamillo) Massimo Selleri ¦ Bologna DOPO LO SCHIAFFONE rimediato a Venezia, nel tardo pomeriggio di oggi (ore 18) la Virtus sarà impegnata ad Istanbul contro il Besiktas. Non ci sarà Kelvin Martin a causa di un problema muscolare, infortunio che sembra un po' più grave del previsto e che probabilmente costringere l'esterno statunitense a restare fermo per almeno tre settimane. FIN QUI la V nera è stata molto concreta in coppa e parecchio più fragile in campionato. Questo significa che la competizione continentale sia più leggera della serie A, semplicemente in Champions si incontrano formazioni che, al pari della V nera, devono affrontare le fatiche del doppio impegno, mentre nella penisola c'è chi, come Cremona non partecipa al dop- pio impegno, ed è innegabile che i lombardi al PalaDozza abbiano speculato sulla stanchezza dei ] bianconeri. Resta il fatto che siamo alla quinta giornata di questa manifestazione e la Segafredo si presenta a questo appuntamento ancora imbattuta. L'assenza di Martin è sicuramente un problema per coach Sacripanti, ma il tecnico virtussino non vuole dare alibi ai suoi giocatori, per cui il capitolo di chi non è a disposizione viene derubricato ad una semplice nota a margine. «Noi giochiamo una partita in coppa - spiega l'allenatore brianzolo - un impegno importante per continuare nel nostro cammino. Il campo è storico, e la squadra ha nomi di altissimo livello, tra l'altro due li ho pure allenati in passato. Abbiamo qualche assenza, ma dobbiamo far sì che ogni giocatore porti il proprio contributo per competere con loro fino all'ultimo minuto. Serviranno energia, entusiasmo e Missione imbattibilità In Europa la V nera è ancora a punteggio pieno: un successo può ipotecare il secondo turno un po' di sagacia tattica». LE VECCHIE conoscenze di Sacripanti sono Buva e Rich in un ro-ster che in questo momento non sta raccogliendo quanto preventivato. Con una vittoria la Virtus metterebbe una serie ipoteca sul passaggio del turno, sebbene manchino ancora due gare alla fine del girone d'andata e tutto il ritorno. La formula prevede che delle otto squadre che compongono questo girone, solo le prime quat- tro accedano ai playoff e, tanto per continuare nei paragoni con il campionato, nella passata stagione nessuna formazione italiana tagliò questo traguardo, neppure Avellino e Venezia. Qualunque sia il risultato di oggi la Segafredo dovrà velocemente liberare la mente dalle questioni turche per immergersi nella gara di domenica quando al PalaDozza arriverà Cantù, ed è nella lega italiana che la V nera deve recuperare terreno. © RIPRODUZIONE RISERVATA Gli avversari I turchi guidati dal guru' Ivanovic ¦ Bologna ALLENATO da Dusko Ivanovic, che tra la fine degli anni '90 e l'inizio del nuovo secolo era considerato un vero e proprio santone della pallacanestro continentale, il Besiktas in campionato ha avuto qualche problema vincendo solo tre delle cinque gare che si sono disputate nella lega turca. Nelle sua fila milita Jason Rich, uno dei migliori giocatori della serie A nella passata stagione, che Sacripanti conosce molto bene avendolo allenato ad Avellino. Le altre partite. Oggi: Bayreth-Odtenda, Lubia-na-Neptunas, Strasburgo-Patrasso. Classifica: Patrasso e Virtus Bologna 8; Strasburgo 6; Neptunas 4; Lubiana, Besiktas e Ostenda 2; Bayreth 0. © RIPRODUZIONE RISERVATA