BASKET: DOMENICA LA SFIDA IN CASA CONTRO BRINDISI La Fiat a ranghi ridotti corre ai ripari Contatti con Portannese e Rowland E.J. Rowland nel 2010 con la maglia di Cremona: ora ha 35 anni DOMENICO LATAGLIATA Non sono giorni facili per la Fiat. Sballottata di qua e di là, in mezzo a risultati che in campionato sono tutto sommato in linea con la difficoltà del calendario (2-3) ma che in Eurocup sono stati invece al di sotto delle attese avendo perso tutti e sei i match disputati. Salutata quindi la qualificazione alla Top 16, non resta che il campionato dove fare la miglior figura possibile. Qui, ovviamente, tutti gli obiettivi sono ancora possibili a patto di (ri) cominciare a vincere, fin da domenica quando al Vela arriverà Brindisi (ore 12). Coach Brown avrà però a disposizione un gruppo ridotto all'osso: sicuri assenti Delfino, McAdoo e Cotton, difficilmente ci sarà anche Cusin. Che comunque, dopo non essersi allenato per tutta la settimana non sarebbe al meglio. Stante la situazione, un paio di giocatori nuovi do- vrebbero però arrivare: il tempo per presentare la necessaria documentazione in Lega scadrà domani all'ora di pranzo, quindi non si può tergiversare più di tanto. Oggi dovrebbe quindi essere ufficializzato l'ingaggio a gettone del 24enne francese Mam Jaiteh (exLimoges, 9.3 punti e 6 rimbalzi la scorsa stagione), mentre è caduta la candidatura dell'oriundo Da-ne DiLiegro. Volti conosciuti Nel settore piccoli è invece dietro l'angolo il ritorno a Torino di Marco Portannese, esterno di 29 anni e 192 cm già visto da queste parti con la maglia della Pms (2011-12) e attualmente a Cremona, dove la scorsa stagione è sceso in campo in media 9' segnando 3,4 punti. Non ci si fermerà qui, comunque: la caccia a un playmaker vero prosegue e in pole position ci sarebbe E. J. Rowland, statunitense con passaporto bulgaro e quindi comunitario: 35 anni, grande visione di gioco, in Italia si è fatto ammirare nel 2010/11 con la maglia di Cremona. A differenza di Jaiteh e Portannese, che la Fiat spera di presentare in campo domenica, difficilmente però Rowland o chi per lui arriverà a Torino nelle prossime ore. Causa persa La società è stata infine condannata dalla Fiba a onorare il contratto con Lamar Patter-son, licenziato lo scorso febbraio dopo non essere rientrato in hotel all'orario previsto alla vigilia della Final Eight di Coppa Italia.  0 LìVNlMLp ALLUMI LFiUTriMiL^ ¦-¦¦-¦ Il