BASKET Varese schianta il Rilski e vede il primo traguardo Qualificazione alla fase successiva di FIBA Europe Cup a un passo per rOpenjobmetis dopo la netta vittoria (86-59) sui bulgari del Rilski Sportisi Per la certezza aritmetica del passaggio del turno, basterà perdere con meno di 9 punti di scarto mercoledì prossimo in Portogallo. Sciascia a pagina 38 Varese non corre... Rilski vittoria larga Quantità e qualità nel successo sui bulgari ma si ferma Moore OPEN JOBMETIS VARESE RILSKI SPORTISI (23-17; 45-29; 66-47) VARESE: Archie 7 (3-4,0-1 ), Avramovic 8 (4-6,0-2), Gatto 2 (1 -1 ), lannuzzi 6 (2-6), Natali 8 (1-1,2-5), Scrubb 11 (1-2, 3-6), Verri 2 (1 -1 ), Tambone 11 (1 -1,3-5), Cairi 17 (7-9), Ferrerò 10 (1-1, 2-4), Bertone 4 (2-4,0-1).AII.Caja. RILSKI: Barro 2 (1-1), Edwards 6 (0-1, 2-4), Gegev ne, Hadtzurisirev (0-1, 0-4), Georgiev 2 (1-3,0-4), Bozov 9 (3-4, 0-1), Harris 12 (3-5, 2-8), Marinovl 1(1-1,2-7), Vasov, Jenkins 11 (5-9, 0-1), Gugino 4 (2-4), Marinchevski (0-3, 0-1). Ali. Hadji-sotirov. Note - Tiri liberi: Varese 8/9, Rilski 9/9. Rimbalzi: Varese 37 (lannuzzi 9), Rilski 29 (Gugino 8). L'Òpenjobmetis sfrutta l'effetto Ener-xenia Arena per ripartire di slancio dopo gli scivoloni in Ungheria e a Reggio Emilia. La compagine di Caja fa il suo dovere contro il Rilski, abbinando vittoria e bel gioco nella gara che la porta ad un passo dalla qualificazione al secondo turno. Successo convincente per quantità e qualità del gioco espresso (24/36 da 2, 10/24 da 3 e 22 assist) pur senza Ronnie Moore, ai box per un ginocchio "ammaccato" dopo un contatto fortuito neh' allenamento di martedì con lannuzzi: oggi gli esami verificheranno l'entità del danno e la possibilità di recuperare il play per la gaia di domenica contro Avellino. E alla fine Firn- pegno infrasettimanale dimostra di essere utile alla causa se "aggredito" con la mentalità di ieri sera: col conforto del fattore campo l'OJM riesce ad aggredire di più e di conseguenza a correre. Tra i singoli, oltre ad un Cain dominante (24 di valutazione in 17'), spicca l'ottima regia di Tambone (8 assist) in assenza di Moore, ma anche Natali dà una scossa concreta ritrovando la via del canestro mentre gli osservati speciali Bertone e lannuzzi ci mettono volontà ma non precisione. L'OJM approccia la gaia con piglio deciso e costruisce subito un gap importante sull'asse Tambo-ne-Cain(15-5al5'). Il primo quarto da 5/9 da 3 sorregge l'attacco anche quando la difesa cala di tensione sul primo giro di cambi. Il Rilski graffia dall'arco fino al 26-22 del 13', poi il ritorno dell'asse play-pivot fa ripartire il motore biancorosso con tanta energia in retroguardia e ripartenze efficaci. Parziale di 16-2 in 4' e partita in controllo sul 42-26 del 17'; con l'inerzia saldamente in pugno Varese si scioglie e regala anche sprazzi spettacolari ai 1200 presenti, con Avramovic che coinvolge Cain e lancia i biancorossi fino al 60-36 del 26'. Masna-go si infiamma per i primi punti stagionali di Damiano Verri e Christian Gatto nella passerella dei 100 secondi finali; domenica contro F attacco atomico della Sidigas (reduce dai 110 punti con Trento e i 99 con il Banvit) saia impegno di tutt'altro spessore e l'attenzione generale è concentrata su una verifica importantissima. Giuseppe Sciascia J'IMPriODI-CIONERIStr.VATA I USI i GIRONE F Qualificazione ipotecata Qualificazione a un passo per l'Openjobmetis a due turni dal termine della prima fase. Basterà perdere con meno di 9 punti di scarto mercoledì prossimo in Portogallo, oppure battere la capolista Alba il 21 novembre. RISULTATI (4° turno) Alba Fehervar-Porto 72-70 ; Openjobmetis Varese-Rilski Sportist Samokov 86-59. CLASSIFICA Alba 8; Varese 6; Porto 2; Rilski 0. PROSSIMO TURNO Mercoledì 14, ore 17.30: Rilski Sportist-Alba Fehervar; ore 21.30: Porto-Openjob-metis Varese. Qui sopra coach Attilio Caja, sopra Cain a canestro, a sinistra Verri, ieri sera a segno (fotoservizio Blitz /ANGELO PURICELLI) «Una gara utile per crescere» ATTILIO CAJA: «Questa partita dimostra perchè abbiamo deciso di partecipare alla FIBA Europe Cup, ossia per provare alcune situazioni e far prendere ritmo a giocatori meno utilizzati in campionato. Il Rilski non è una squadracela, le partite diventano facili se le affronti nel modo giusto e la gara ci è stata molto utile per crescere. Bravi tutti per l'interpretazione difensiva perfetta della partita». CAJA-2: «Moore? Speravo di averlo già in coppa, ci diranno i medici se ci sarà con Avellino. Mercato? È una domanda da rivolgere alla società». CAJA-3: «Buon viatico per la partita di domenica: le partite importanti per noi sono quelle contro le sq uadre del lato destro della classifica, contro le big come Avellino sono verifiche. Cercheremo di complicargli la vita e non fargli conquistare un successo agevole come con Trento». © RIPRODUZIONE RISERVATA