Happy Casa Brindisi: di corsa verso la Coppa Dopo la sosta obiettivi sulla qualificazione alla Final Eight di Antonio RODI BRINDISI - II campionato ha tirato il fiato dopo un avvio a tutto gas e da domenica si tornerà a fare sul serio. Sarà una lunghissima volata fino al prossimo 13 gennaio allorquando sì giungerà al giro di boa e saranno note le "magnifiche 8" che daranno poi vita (a febbraio) alla Final Eight di Coppa Italia. Un vero e proprio tour de force in cui si giocherà senza interruzioni anche sotto le festività natalizie. Dopo qualche giorno di relax che lo staff tecnico della Happy Casa Brindisi ha deciso di concedere alla sua truppa, sì è tornati a lavorare nel PalaPentassuglia già da venerdì scorso per cominciare a mettere benzina nel motore in vista della ripresa delle ostilità. Fondamentale sarà ritrovare il passo giusto che, nella sostanza, ha caratterizzato il primissimo scorcio del cammino biancazzurro. Quindi anche l'abbrivio vincente. Riparte quindi la macchina brindisina e all'orizzonte si scruta già la sagoma della Grissin Bon Reggio Emilia, che domenica sarà di scena nell'impianto di contrada Mas-seriola (palla a due ore 18). Una formazione, quella reggiana, in evidente difficoltà, il cui percorso iniziale è stato a dir poco accidentato. La classìfica parla chiaro: soli quattro punti all'attivo su otto partite disputate (gli stessi di Torino, Pistoia e Trento), ed uno stato di cose assolutamente sul quale riflettere. Oggi !a Reggiana non ha più alibi, non può più nascondersi dietro un dito. Deve cambiare verso nell'immediatezza, Molti dei suoi attori protagonisti hanno deluso le aspettative della vigilia, adesso ci si affida al mercato per provare a mettere una pezza. Confermata la fiducia al capto allenatore Cagnardi, la società biancorossa ha divorziato con Ledo (il talentuoso giocatore del Rhode Island ha chiuso la sua avventura italiana con 23,5 punti di media a partita, che ne avevano fatto il capocannoniere del campionato), Butterfield e Griffin e ora va alla caccia dei giusti correttivi. Reggio Emilia sonda infatti il mercato a 360 gradi, guardandosi attorno per riuscire a trovare due rinforzi soprattutto negli spot di guardia e alla piccola. Diverse le figure passate sotto la lente d'ingrandimento. A cominciare da Michael Jenkins, 32enne esterno attualmente in forza all'Astana Tigers. Salvo soprese dell'ultima ora Reggio Emilia si vedrà costretta a battere altri sentieri, a cominciare da quella che porta a Tyrus Mc-Gee (la 27enne guardia è attualmente in forza ai turchi dell'Afyon Beledye) mentre nelle ultimissime ore è venuto fuori anche il nome di Jerome Dyson. Dalla scelta della guardia dipenderà poi quella successi- va dell'ala piccola, quel che però è certo è che il club reggiano proverà a chiudere con i due nuovi innesti quanto prima, in modo da poterli utilizzare già nella trasferta pugliese. Brindisi deve però guardare a se stessa e non alle problematiche altrui. Se vuole continuare a cullare il sogno della Final Eight deve tornare a muovere la classifica. E lo deve fare da subito. NextGen Cup - La prima edizione del torneo "Under 18" (fortemente voluto dalla LegaA in collaborazione con la Fip) riservato alle 16 squadre di Serie A ha chiuso la sua fase di qualificazione nel corso dell'ultimo fine settimana (di fatto in coincidenza con la pausa che il campionato si è concesso per dare spazio agli impegni della Nazionale) mentre l'atto finale si terrà durante la settimana della Final Eight di coppa Italia Firenze (14-16 febbraio 2019). Una vetrina nazionale che ha messo in mostra anche i gioiellini del settore giovanile della Happy Casa Brindisi, formato da ragazzi con tantissima voglia di lavorare ed emergere nel panorama locale e non solo. La perla di questo weekend è stata sicuramente rappresentata dalla prestigiosa vittoria ottenuta nella prima partita contro ì padroni di casa della Virtus Bologna (79-66). Nelle successive due partite del girone C (nel quale i biancazzurri erano inseriti), sono giunte altrettante sconfitte: la prima contro la VL Pesaro (91-62), la seconda contro la Sidigas Avellino (89-63) che hanno di fatto compromesso i sogni di passaggio del turno per la classifica avulsa. Coach Frank Vitucci e i giocatori dell'Happy Casa Basket Brindisi