BASKET VUELLE A PESARO L'ARRIVO DI BONICIOLLI HA RINVIGORITO L'AMBIENTE: ALLENAMENTI INTENSI ED ATTENTI DOMENICA UNO SPAREGGIO DA NON SBAGLIARE In coda al gruppo, col cuore in gola IL punto Ecco che cosa succede a Pesaro, Torino e Pistoia, le squadre in lotta per la salvezza VETERANO Peppe Poeta, l'unico confermato a Torino dall'anno passato ¦ Pesaro TRE SQUADRE in fondo alla classifica. Una delle tre domenica sera resterà inchiodata a quota 8, visto lo scontro diretto fra Pesaro e Torino, mentre Pistoia è chiamata alla dura trasferta di Avellino. QUI PESARO. Rinvigorita dall'arrivo di Boniciolli, la squadra sta lavorando con intensità e grinta. Come accade spesso quando c'è Torino Un tourbillon di cambiamenti che ha disorientato il gruppo Squadra in silenzio stampa un cambio di allenatore, i giocatori sono più attenti e motivati e il coach sta cercando di semplificare al massimo sia le situazioni difensive che offensive per liberare la testa dei giocatori e dare delle sicurezze alla truppa, poche ma so- lide. Tifo ricompattato e pronto a sostenere la squadra. QUI TORINO. Situazione altamente a rischio. Per un motivo, soprattutto: quando una squadra viene costruita per altri obiettivi è impreparata a combattere nei bassifondi. In più, dopo il tourbillon di cambi operati da Larry Brown prima dell'esonero il gruppo sembra disorientato: degli stranieri che avevano iniziato sono rimasti solo McAddo, Wilson e Carr. Mentre Cotton, il migliore del lotto, è infortunato. Via Stojanovic, Delfino, Rudd e Taylor, sono arrivati Moore, Hobson, e il lungo francese Jaiteh. L'arrivo di Dallas Moore in regia non ha ancora sortito effetti, nonostante l'ex bianco-rosso stia producendo 14 punti di media, ma nei finali di partita non è riuscito a dare la zampata. Oggi il pacchetto degli esterni è meno atletico di quello che aveva cominciato la stagione e questo sta rappresentando un problema, specie in chiave difensiva. L'unico giocatore rimasto dalla stagione scorsa, Peppe Poeta, sta cercando di fare spogliatoio aiutato da Cusin, ma la sensazione è che coach Galbiati debba ricostruire un sistema dopo il fallimento di quello impostato dal santone americano, che si è rivelato inadatto al basket europeo. Tanto che anche in Eurocup la Fiat è uscita distrutta (0 vittorie in 10 partite). Torino, reduce da 3 ko di fila, è in silenzio stampa. Intanto, Carlos Delfino, licenziato per giusta causa, ha intenzione di fare ricorso e questo allungaherà i tempi del suo ritorno sul mercato. QUI PISTOIA. Altra squadra in coda al gruppo. Domenica, però, ha dato un segnale importante ed inatteso stoppando Varese che veniva da un periodo strepitoso. Ha Pistoia La vittoria su Varese ha salvato la panchina di coach Ramagli E Johnson resta altri 15 giorni ottenuto da Dominique Johnson, che cerca una sistemazione più importante, l'ok a rimanere per altre due partite: il leader della squadra, che viaggia a 15 punti di media sfiorando il 40% da tre, sarà in campo quindi contro Pesaro. La panchina di Ramagli è traballante da settimane, tanto che i nomi di Boniciolli e Pillastrini erano girati anche per la Oriora, ma alla fine il coach livornese dopo quattro sconfìtte consecutive, ha salvato il posto battendo Varese e guadagnandosi un credito per poter proseguire il suo lavoro. Ha il roster più fragile insieme a quello della Vuelle e anche la sua difesa fa acqua (88,3 punti subiti). Elisabetta Ferri Vuelle Anticipo Contro Brindisi di sabato sera ¦ Pesaro DOMENICA, con la Fiat Torino, palla a due a mezzogiorno. Ma non è l'unico spostamento di orario in questo mese per le partite casalinghe. La sfida con l'Happy Casa Brindisi, infatti, si giocherà di sabato sera alle 20,30 (il 26 gennaio). Per chi invece vorrà seguire la squadra nella delicata trasferta di Pistoia, domenica 20 gennaio, sappia che si gioca alle 17,30. Stessa cosa per il ritorno alla Vitri-frigo Arena di Austin Daye, domenica 3 febbraio: l'orario del match con la Reyer Venezia è fissato alle 17,30.