Vuelle I volontari dell'associazione con progetti in tutto il mondo al palas: «Grazie Vuelle per la sensibilità» Da vent anni accanto ad Avsi: domenica la raccolta fondi fOLO\ ITAR Mirko Scatassa e Giovanni Giardina ¦ Pesaro VENT'ANNI al fianco di un'associazione. Nello stile della Vuelle, che ama le tradizioni e a cui piace coniugare basket e solidarietà. Così anche quest'anno, in occasione della gara con Torino, i volontari di Avsi saranno al palas per raccogliere fondi a favore dei loro progetti annuali, in Siria (ospedali aperti), Brasile (accoglienza ai migranti venezuelani), Burundi e Kenya ('work to stay') e Italia (assistenza domiciliare alle famiglie in difficoltà). Lo slogan del 2019 è «Sotto lo stesso cielo», molto pregnante in tempi in cui le divisioni hanno inasprito la società civile. «Ci ricorda che non siamo diversi dalle persone a cui cerchiamo di dare una mano -spiega Giovanni Giardina, responsabile di Avsi Pesaro -. Quella che ci offre la Vuelle è un'occasione bellissima: ci permette di incontrare in due ore centinaia di persone per parlargli dei nostri progetti». Fondata a Milano nel '72, oggi Avis ha duemila volontari in tutta Italia, un centinaio gireranno sugli spalti: «Anche un euro può fare la differenza -aggiunge Mirko Scatassa -, abbiamo 169 progetti in 31 paesi e ogni goccia è preziosa. Fra l'altro, dalle altre città ci invidiano un po' perché siamo stati i primi, e siamo ancora gli unici, ad avere un rapporto così stretto fedele con un club di serie A. Merito della Vuelle che ha dimostrato grande sensibilità».