Le pagelle di ELISABETTA FERRI E' Murray l'unico da salvare Speranza Tognacci Artis ng appena 12' giocati. Subito schiacciato dalla pressione avversaria non ci capisce granché di questa partita. Nella ripresa non mette più il naso in campo, si saprà poi a fine gara che ha preso un colpo al piede. Blackmon 6 La peggior partita in maglia Vuelle per ilgiocatore che sin qui era stato il più continuo. Non vede il canestro (2/6 da due e 1/4 da tre), soprattutto non riesce mai a liberarsi. Perde 6 palloni, alcuni in maniera talmente banale da lasciare esterrefatti. Non ha mai un lampo negli occhi e anche in difesa si lascia asfaltare. Za notti 5 Non si può pretendere troppo da questo ragazzo che fino all'anno scorso le partite al Forum le guardava in tv. Boniciolli lo mette su Nunnally che lo brutalizza, in attacco non trova spiragli. Infila una bomba in 21' di gioco, a cui aggiunge un paio di rimbalzi. McCree 6,5 Ha l'attenuante delle condizioni fisiche non perfette, ma fallisce completamente l'approccio. Non ingannino i 18 punti finali. Nel primo tempo, quello in cui si decide il match, ne mette solo 2, con 0/7 su azione. Ingrassa il suo scout in una ripresa senza significato. Mockevicius 5 Come tutte le serate in cui la squadra gioca slegata, lui è il primo a perdere l'orientamento. Omic è più grosso di lui e non è facile da contenere. I pochi palloni che riceve cerca di metterli a frutto (3/6), aggiunge 5 rimbalzi, ma è spento, fuori dal clima del match. Monaldi 6,5 L'assenza di Artis gli concede larghi spazi che però non riesce a sfruttare. Tanto che a un certo punto il coach gli preferisce Tognacci. E anche in coppia col play americano non è che riesca a produrre cose significative. Tira male (1/5), perde 2 palloni e chiude con la valutazione più negativa fra i suoi (-4). Murray 6 L'unico da salvare. Entra dalla panchina, si vede che ha la mente più leggera perché al Forum nessuno ha il suo nome segnato sul taccuino. In attacco fa il suo (9/12 da due, mentre la tripla non entra), piglia 7 rimbalzi e perde un solo pallone in 28'. Dignitoso. Shaskov 5 Tenero tenero davanti ai muscoli altrui, il russo regala qualche canestrino ma non incide mai veramente in nessuna situazione. Ancellotti 4 Passa sulla partita in maniera quasi invisibile. Tre rimbalzi sullo score. Tognacci 6 Non ha nemmeno il nome sulla maglia, ma ha desiderio. Si spreme su Della Valle, segna anche una gran bella tripla. Dieci minuti per assaggiare come potrebbe essere la sua vita futura. e.f.