OriOra Parla Mesicek «Pistoia è per me una bellissima opportunità» -. > «Pistoia? Per me una bella i i iil unita» OriOra La guardia: «Siamo una squadra nuova, ma adesso dobbiamo pensare a vincere» «IO GIOVANE? IN SLOVENIA TI CONSIDERANO TALE FINO A 15 ANNI. A 21 SEI GIÀ' RITENUTO UN GIOCATORE FATTO» Maurizio Innocenti BLAZ MESICEK era arrivato in sordina, per lui non si erano accese le luci della ribalta. Un sostituto a tempo per tamponare la falla lasciata da Dominique Johnson in attesa di tempi migliori. La guardia slovena, invece, si è guadagnata la conferma a suon di buone prestazioni e le luci su di lui a quel punto si sono accese eccome. «Per me essere qui rappresenta una grande opportunità -dice Mesicek - soprattutto dopo le difficoltà che avevo incontrato ad inizio anno con l'Olimpija. Pistoia è una società che sta dando l'opportunità a tanti giovani di mettersi in mostra e per questo farò di tutto per aiutare la squadra e coglier l'occasione che mi è stata concessa». Un giocatore giovane, Mesicek, ma che ha dimostrato di avere faccia tosta e grinta da vendere e di non aver paura di prendersi le proprie responsabilità stando in campo come un veterano. «E' una questione legata alla mentalità- spiega la guardia bian-corossa - Sono sloveno ma da parte di mio padre e mio nonno ho origini sia serbe che croate dove la cultura sportiva è diversa: si va in campo per dare il massimo e per vincere indipendentemente dagli avversari, dalla classifica o altro. Sul fatto di essere un giocatore giovane, in Slovenia vieni considerato tale quando hai 15 o 16 anni, alla mia età, 21 anni, sei considerato un giocatore fatto, uno che non sta in panchina, ma che gioca e si prende le proprie responsabilità». UNA MENTALITÀ che sicuramente lo ha aiutato ad ambientarsi subito con i nuovi compagni e dire che non era facile perché da quando è arrivato nel giro di un mese la squadra ha cambiato volto, sono partiti dei giocatori e ne sono arrivati altri e il processo di ambientamento è dovuto ripartire da zero. «E' sempre difficile quando cambi dei giocatori, questo è innegabile così come dover partire da capo con la conoscenza dei compagni, ma devo dire che i nuovi arrivati si sono ambientati subito anche perché sono tutti giocatori esperti e siamo un buon gruppo. Il tempo non è molto, ma stiamo lavorando per trovare il giù- sto feeling e dobbiamo continua- ciò che conta. «Certo - afferma senza avere cali come ci è succes- re a rimanere positivi fino alla fi- Mesicek - e per farlo dobbiamo so fino ad ora e credere nei nostri ne». Già, rimanere positivi e ini- riuscire a mantenere la concentra- mezzi», ziare a vincere perché alla fine è zione per tutti i quaranta minuti ppATACnMICT A Blaz Mesicek si è conquistato la riconferma a suon di buone prestazioni