BASKET GRISSIN BON PRIMA TOCCA ALLA SIDIGAS PER IL MATCH CONTRO AVELLINO PILASTRINI DOVREBBE RITROVARE PATRICK RICHARD E NICCOLÒ DE VICO L'INCOGNITA AGUILAR RESTA DIFFICILE IL RECUPERO DI PABLO AGUILAR, VITTIMA DI UNA DOLOROSA INFIAMMAZIONE AL PIEDE «Invadiamo Pistoia» Appello degli 'Arsan' Trasferta decisiva Striscioni sulla gara del 2k IN CITTA Sono apparsi una serie di striscioni affìssi in vari punti della città, dalla rotonda dell'Orologio a quella del Campovolo Gabriele Gallo L'ATTENZIONE e la concentrazione dello staff tecnico e dei giocatori della Grissin Bon sono, doverosamente, rivolti all'imminente sfida (si gioca tra poco più di 48 ore) di Avellino. Ma i tifosi si stanno già mobilitando per il match da vita o morte di domenica 24, in quel di Pistoia. Una trasferta su uno dei campi più caldi e difficili dell'intera serie A, al di là della classifica, dove il team biancoros-so ha sempre faticato molto a uscirne vincente, e in rare occasioni. Eppure questa gara, nella presente stagione, ha un'importanza che definire vitale è quasi un eufemismo. E per questo gli «Arsan», il gruppo di supporters organizzato della Pallacanestro Reggiana, ha avviato una campagna di mobilitazione affinché il maggior numero possibili di reggiani possa valicare l'appennino ed essere presente sugli spalti del PalaCarrara, per la sfida salvezza del 24 contro i toscani dell'ex tecnico biancoros-so Alessandro Ramagli. UNA CHIAMATA alle armi del tifo avviata sia sui social che coi tradizionali striscioni affissi in punti chiave della città, tipo alla rotonda dell'acquedotto in zona Orologio, con gli abituali leit-motiv per questo tipo di circostanze: «Invadiamo Pistoia» o «Tutti a Pistoia» o «Sola non la lascio mai», riferito alla squadra. Ma prima, come si diceva all'inizio, la Grissin Bon è attesa dal delicato viaggio in Irpi-nia, per affrontare la Sidigas. Contro di essa coach Pillastrini dovrebbe avere di nuovo a disposizione Richard, che ieri ha ripreso a fare qualcosa insieme con il resto del gruppo, e Niccolò De Vico, ancora assente in palestra a causa di una brutta influenza, ma che sta definitivamente smaltendo l'edema osseo che l'ha tenuto praticamente a riposo per più di un mese. Soprattutto il secondo potrà dare relativamente poco, e non certo per mancanza di voglia, alla causa biancorossa; ma il rientro a referto di due elementi rappresenterà comunque una importante iniezione di fiducia. Difficilmente invece ci sarà Pablo Agui-lar, la cui dolorosissima infiammazione al metatarso del piede viene monitorata giorno per giorno. Parlando sempre di future partite scatta oggi la prevendita per la gara casalinga tra Grissin Bon e Brindisi di domenica 31, altro crocevia importante per Reggio sulla strada della salvezza. Per l'occasione la società ripete l'iniziativa: «Porta un amico». Gli abbonati potranno infatti acquistare a metà prezzo un altro biglietto per farsi accompagnare in via Guasco da un amico tifoso.