BASKET VUELLE FURIOSA IL GIUDICE SPORTIVO HA DEPLORATO COSTA E AMMONITO SIA CIOPPI CHE PENTUCCI PER LE PROTESTE FINALI MULTA A TRENTO PER LE OFFESE DEI TIFOSI A LYONS «Episodi che non possono sfuggire» IL presidente Costa «Dustin Hogue che ci fa il gesto del tagliagola e rimane impunito è grave» SOS II dottor Mancino medica l'occhio sanguinante di Mark Lyons ¦ Pesaro NON SOLO gli arbitri non hanno punito Dustin Hogue per il gesto del tagliagola ripetuto per tre volte davanti alla panchina della Vuelle nel finale, ma le veementi proteste dello staff verso i tre fischietti in mezzo al campo hanno portato a una deplorazione per il presidente Costa ed un'ammonizione per il ds Cioppi e l'assistente Pentiteci. Alla Dolomiti Ener- Una scena che tutti hanno visto «Gomes mi ha fermato dicendo che lo fa sempre, presidente e gm si sono poi scusati con me» già, invece, un'ammenda di 500 euro per offese del pubblico verso Lyons, dopo che un'unghiata di Craft lo aveva mezzo accecato, con tanto di perdita di sangue dall'occhio. Scene di ordinaria follia che almeno i dirigenti di Trento hanno riconosciuto, scusando- si con la Vuelle, come racconta lo stesso Costa il giorno dopo. «NELLE IMMAGINI televisive si vede benissimo Gomes che mi ferma mentre entro in campo furente: Beto mi ha detto lascia stare, Hogue lo fa sempre quel gesto, è uno sciocco. Anche il presidente e il gm di Trento si sono scusati con me e l'ho molto apprezzato, poi - aggiunge - negli spogliatoi Hogue è stato redarguito dai suoi perché quel gesto, che tutti hanno visto tranne gli arbitri, poteva fargli perdere la partita visto che la differenza in quel momento era di tre punti». Non c'è dubbio che Hogue meritava un fallo tecnico «e sono deluso per questa mancata sanzione, soprattutto - sottolinea Ario - ripensando a quello preso da Lyons quando mostrò i muscoli al pubblico di Bologna. Siamo in un ginepraio, dove i metri sono sempre diversi, ma noi qui ci giocavamo la sopravvivenza. Arbitrare è un mestiere difficile, soprattutto nel basket, dove bisogna decidere rapidamente, ma fatti così evidenti non possono sfuggire». Così come, sul 37-28 per Pesaro, è sfuggito il piede sulla linea di Pascolo che recupera, fuori, una palla per la tripla di Gomes. O la gomitata presa da Moc-kevicius nel finale di gara. «Oltretutto, avevamo già perso Lyons per un colpo che ritengo fortuito, ma che comunque andava punito con un fallo; così come hanno fatto quando Mockevicius contro Avellino ha dato una manata in fronte ad un avversario in modo involontario. Craft ha fatto una torsione del busto col gomito alto e per questo abbiamo perso l'mvp della partita: i tifosi l'hanno anche fischiato pensando ad una sceneggiata, mentre quella di Hogue è passata impunita». Lo spirito è quello giusto «Dobbiamo essere consapevoli che con quest'atteggiamento ce la faremo. Bravi gli italiani» SAREBBE STATA una vittoria quasi risolutiva, visto il ko di Pistoia in casa con Torino: «Ma dobbiamo essere consapevoli che quando ci mettiamo questo spirito ce la giochiamo con tutti e possiamo farcela. Sono molto orgoglioso dei ragazzi, in particolare degli italiani che hanno passato momenti difficilissimi ma non si sono mai arresi, ed ora ci stanno dando una grande mano. Non solo Zanotti, un ragazzo sul quale abbiamo deciso di rischiare e davanti al quale ora si apre uno scenario che nemmeno s'immaginava all'inizio, ma anche Monaldi e soprattutto Ancellotti, che a Trento ha giocato una gran partita». Elisabetta Ferri Vuelle II responso Lyons, l'occhio è salvo ma sabato è in forse ¦ Pesaro L'OCCHIO di Lyons è salvo, ma che possa tornare in campo già sabato sera è ancora un punto interrogativo. L'oculista che lo ha visitato ieri, il dottor Valazzi, ha escluso lesioni gravi e lo rivedrà giovedì per dare un responso al club sul suo utilizzo dato che ieri, ancora con l'occhio pesto e chiuso pareva un pugile. «Il dottore dice che sono stato fortunato -scrive il giocatore sul suo In-stagram -, la contusione è attorno alla pupilla e la mia vista sarà ok per il futuro, grazie a Dio». La speranza è che Mark, se non con Sassari, possa farcela almeno per le gare successive, che saranno decisive per la salvezza.