Il tifo migliore MATTIA FELTRI Tremila persone hanno applaudito l'ultima partita della Fiat Au-xilium, salva sul campo e retrocessa dal contabile. Ventimila sostenitori del Toro hanno acclamato i volteggi furiosi di Andrea Belotti e la vittoria granata contro il Parma. L'intero popolo bianconero s'è dissolto in amarezza, e nonostante il formidabile campionato, per l'eliminazione dalla Champions League su sentenza dell'Ajax. Eppure lo stesso popolo aveva accolto come eroi i medesimi giocatori battuti, negli anni precedenti, dal Real Madrid e dal Bayern con gol strazianti nei minuti di recupero. La Fiat Auxilium proverà a tornare nella serie superiore, la Juve non s'arrenderà alla maledizione, quanto al Toro ci darà dentro fino all'ultima giornata, e sebbene i risultali delle avversarie e la classifica suggeriscano che sarà difficile qualificarsi per l'Europa. Ma anche loro saranno applauditi, che la spuntino o falliscano, finché giocheranno come domenica, col sangue dello stesso colore della maglia. Alla fine le tifoserie sono migliori di come le dipingiamo: nessuno sa accettare la sconfitta come le tifoserie, purché lo sport sia attraversato con coraggio e con bellezza, esattamente come dovrebbero essere le vite di tutti noi. Il resto è una conseguenza che non ci farà migliori o peggiori. BUONGIORNO TORINO