Quando i ricordi vanno a canestro L'evento Revival alla festa del Porto. Minibasket, ricordi e vecchie glorie della palla al cesto che fare con la pallacanestro o il basket, solo che l'invito è per le ore 18,30. Ma alle 21,15 la serata sarà riservata alle vecchie glorie (giocatori e dirigenti) che hanno fatto la storia del nostro basket. Solo per dare un ordine al programma, la storia riguarderà le società pesaresi, la prima delle quali fu quella delle "Rondinelle", le ragazze che cominciarono a giocare prima del ragazzi nel 1939; poi le squadre del Guf e della Gii del 1940; la Victoria nel 1946, Vuelle dal 1965; la Delfino dal 1963; il Loreto e la Lupo dal 1965; la Falco dal 1975. Per preparare questo pomeriggio che si preannuncia unico e forse irripetibile, un comitato segreto ci ha lavorato per settimane, scovando immagini uscite da chissà quali cassetti dei comò di casa. Il comitato ha cercato così tanto che a un certo punto qualcuni ha sostenuto che la palla al cesto pesarese è nata al porto perché, in quegli anni lontanissimi della prima metà del 1900, capitava spesso che i cosiddetti atleti facessero insieme due o tre sport, come per esempio il nuoto, il calcio e la pallacanestro. Si riva indietro almeno fino al 1935, quando ancora c'erano il Duce e il Re, e meno male, almeno una volta tanto, non c'erava- ¦ Pesaro QUANDO può capitare che il basket pesarese cessi di essere considerato solamente lo sport cittadino per eccellenza? Quando può succedere che in fondo non conti più chi quella volta vinse o perse e tutto si trasformi in un grande racconto, quasi un mito che ci ricordi come, in molti, in tanti, per anni, per generazioni, fummo insieme e trascorremmo infanzie e giovinezze intorno a un rettangolo di cemento, due retine bucate e un pallone che magicamente riuscivamo a farci entrare dentro? Può succedere esattamente questa sera dalle 18,30, per la Festa del Porto, con l'occupazione di via Cecchi per mandare in scena "Dalla palla al cesto alla pallacanestro". Dentro c'è di tutto: minibasket e campioni, vecchie foto e filmati, ricordi e puttanate, balle ed emozioni. Sarà la riedizione moderna del cartello che nel 1938 a un certo punto apparve sui muri di Pesaro: "Tutti coloro che intendono praticare lo sport della palla al cesto debbono trovarsi alle ore 18 di mercoledì e venerdì nella Palestra Carducci. Sarà presente un istruttore federale". Ecco, l'invito per stasera è rivolto di nuovo a tutti coloro che hanno avuto a mo ancora noi. Franco Bertini