BASKET SERIE A COACH CARREA: «LA SQUADRA HA GIOCATO IN MANIERA AGGRESSIVA ANCHE NELLE PRIME PARTITE SOLO CHE VA FATTO NELLA MANIERA GIUSTA» I biancorossi Carrea potrà contare anche su Brandt OriOra, «ritmo e idee chiare contro Treviso» COACH CARREA Oggi pomeriggio biancorossi al gran completo a Treviso (ore 18.15) per una sfida che presenta tante insidie LA ORIORA si presenta al Pala verde al completo. E questa è già una buona notizia dal momento che nelle prime due partite i biancorossi avevano dovuto fere a meno del loro centro titolare Angus Brandt. In più il match di oggi (ore 18.15) è tatticamente piuttosto complicato e avere più soluzioni a disposizione può rivelarsi utile. «E' una partita con tante insidie - afferma coach Michele Carrea - primo perché giochiamo in un campo che rappresenta un fattore, secondo per la natura stessa di Treviso che è una squadra che propone tanta difesa a zona che dovremo attaccare con ritmo e idee chiare». Ecco che il rientro di Brandt è quanto mai provvidenziale sia in fase difensiva che offensiva sia perché la squadra può giocare una pallacanestro più aggressiva e sia perché aumentano le rotazioni. «Ave- re un cinque - spiega il tecnico biancorosso - è fondamentale per avere qualità sulla difesa del pick and roll perché giocare senza un centro diventa un handicap grosso. Questo è un aspetto fondamentale visto che in serie A si fa largo uso del pick and roll e quindi ci vuole per forza grande attenzione e qualità nel difendere. In attacco avere un bloccante e un rollante ci può dare dei vantaggi per cui il rientro di Brandt è senza alcun dubbio di grande importanza. La squadra ha giocato in maniera aggressiva anche nelle prime due partite solo che va fatto nella maniera giusta. Ciò che è mancato contro Trento e Bologna è stata un filo conduttore che tenesse tutti uniti». AVERE un centro di ruolo è importante anche per la lotta al rimbalzo, soprattutto offensivo visto che Treviso gioca molto a zona e visto anche che contro Cremona questa voce è costata cara alla squadra di Me-netti. Un altro elemento da aggiungere alla lista delle cose importanti di questa partita. «La zona - spiega Carrea - ha una debolezza nella copertura dei rimbalzi offensivi, ma per punirla con secondi o terzi possessi bisogna andarci al rimbalzo. In settimana abbiamo posto attenzione a questo aspetto così come sicuramente avrà fatto Menetti. Al di là di tutto noi dal punto di vista difensivo dovremo essere disciplinati e avere idee chiare e precise senza rincorrere i loro quintetti e in attacco trovare dei vantaggi nelle soluzioni e non nei singoli accoppiamenti che per ora hanno solo generato grande confusione». Maurizio Innocenti