Trieste affronta un mezzogiorno di fuoco al Palalido I bìancorossi contro l'Armani cercano una reazione dopo il tracollo interno. Dalmasson: «Dobbiamo abituarci allo stress» Eugenio Dalmasson Roberto Degrassi TRIESTE. Dall'Allianz Dome all'ora di cena del sabato all'Al-lianz Cloud all'ora di pranzo della domenica. La Pallacanestro Trieste-Armani Milano inizialmente prevista a Valmau-ra per ieri in seguito alle conseguenze dell'acquazzone di mercoledì diventa Milano-Trieste oggi alle 12 in quello che per tutti resta semplicemente il Palalido ma che è ora griffato con il nome del colosso assicurativo. Trieste si presenta all'appuntamento reduce dalla scoppola casalinga del meno 30 contro Varese. Milano, quanto a ruolino, non è messa meglio: ha perso le ultime due partite, contro Brescia in Al e con il Bayern Monaco in Eurolega. Ma l'Armani rimane l'Armani. Per i biancorossi di Eugenio Dalmasson sono stati giorni strani, tra forzati cambi di programma e il ritorno al passato con allenamenti in via Locchi. Di fronte alla possibilità - che a un certo punto pareva concretissima - di un rinvio, molto meglio l'inversione di campo, assicura Eugenio Dalmasson. «Per noi in questo momento è importante giocare, perdere il ritmo sarebbe stato un problema. Abbiamo bisogno di imparare e di sapere cosa ci manca e possiamo scoprirlo solo con partite vere. L'allenamento è importante ma, come del resto il precampionato, non presenta quelle situazioni di stress che solo un incontro di campionato comporta. E noi con lo stress dovremo imparare a convivere visto il genere di campionato che dovremo affrontare. Dobbiamo imparare a vincere le partite con le buone o con le cattive. Dopo la brutta prestazione con Varese abbiamo l'occasione per dare un segnale di reazione». È naturalmente in difesa che la Pallacanestro Trieste dovrà dimostrare di voler cambiare registro. «Non dobbiamo guardare a quello che fa Milano - aggiunge il coach - ma dobbiamo preoccuparci di quello che riusciremo a fare noi. Ci aspetta un ostacolo importante, sarà una buona occasione per metterci alla prova e crescere». Trieste si presenta al completo. Strautins è ormai utilizzabile dopo lo stop delle settimane scorse. L'unico non al top è Rodi Justice che si era fermato durante l'allenamento di giovedì ma dovrebbe essere regolarmente in campo. Sul fronte milanese Ettore Messina afferma: «Veniamo da due sconfitte e continuiamo ad avere assenze pesanti (Micov ancora out, ndr), ma proprio per questo dobbiamo migliorare e cercare di vincere la partita con una buona difesa sul loro movimento di uomini e palla. In attacco sarà importante continuare a costruire buoni tiri, fiduciosi che le percentuali torneranno a crescere». IL PROGRAMMA Negli anticipi vincono Sassari e Brindisi TRI ESTE. Nei due anticipi Dolomiti Trento-Banco di Sardegna Sassari 73-76 e Brindisi-Brescia 88-78. Oggi: ore 12 Roma-Cremona, 17 Vare-se-Fortitudo, 17.30 Can-tù-R.Emilia, 18.15 Treviso-Pistoia, 21 Virtus Bologna-Venezia. Classifica: Sassari 6, Trento, Virtus Bo, Brescia,Brindisi e Fortitudo 4, Cantù, Cremona, Milano, Varese e Venezia 2, Trieste, R.Emilia, Pistoia, Treviso, Pesaro e Roma 0. r