ROMA: Kyzlink 11, Bufarci 20, Alibegovic 7, Jefferson 17, Dyson 25, Spinosa ne, Farley ne, Pini 2, Baldasso 7, Rullo ne, Moore 8, Cusenza ne. Ali: Bucchi. CREMONA: Saunders 19, Tiby 11, sobin 6, Die-ner 18, Mathews 8, Gaz-zotti, Ruzzier 11, Sangui-netti ne, De Vico 3, Stoja-novic 8, Palmi 2, Akele 8. Ali: Sacchetti. Note Tiri da due: Rm 19/32, Cr 17/33. Tiri da tre:Rm U/26, Cr U/33. Tiri liberi: Rm 17/22, Cr 18/27. Rimbalzi: Rm 40, Cr 36. Assist: Rm 18, Cr 12. Palle recuperate: Rm 6, Cr 7. Palle perse: Rm17, Cr10. Al PalaEur Gara pirotecnica e prima gioia per Roma Cremona, stop inatteso Roma UNA PARTITA pirotecnica al PalaEur vede prevalere Roma per 97-94 ai danni di Cremona: decisivo l'ultimo minuto di gioco, dopo 40' di equilibrio, fatto di break e contro break. Il tecnico a Stojanovic spezza la parità, 92-91 ; Diener recupera palla, ma Saunders commette fallo in attacco. Dyson non sbaglia il possesso decisivo e con una tripla siderale (25 punti, 6/10 da tre) regala la prima vittoria alla sua squadra, ai danni del suo ex coach Sacchetti. Cremona deve recriminare su tante cose: in primis una difesa troppo permissiva. Concedere 97 punti fuori casa nel 90% dei casi equivale a una sconfitta. Il secondo dato che pesa sono gli otto errori ai tiri liberi (19/27 con 0/4 per Sobin e 0/2 per Gazzotti e De Vico), sette dei quali arrivati consecutivamente nell'ultimo quarto. Gagliarda la partita di Roma, spesso costretta a inseguire ma mai doma, anzi brava a ricucire buttando sul parquet grande intensità, tenendo sempre vivo l'entusiasmo, alzando le pulsazioni dell'incontro nei momenti chiave, tirando meno, ma meglio, di Cremona da tutte le zone del campo. Per i lombardi un ko che fa male, ma da domani bisogna voltare pagina e pensare alla seconda trasferta consecutiva, in programma domenica al PalaBigi contro Reggio Emilia. Massimo Rossi