Green incanta il mondo Nba Quindici punti con i Celtics Javonte nel match di preseason contro i Charlotte Hornets, al debutto con la maglia di Boston, con un 7 su 7 in 11 minuti stupisce tutti Roberto Degrassi TRIESTE. Sarà solo preseason ma è pur sempre Nba. E Javonte Green nel dorato mondo dei "prò" ci sta. Eccome, se ci sta. Trieste lo aveva lasciato tra gli applausi di piazza Unità nella passerella trionfale per la promozione in serie A, nell'estate di un anno fa. Lo aveva seguito con simpatia nella sua avventura tedesca (e in Coppa) a Ulma e nei mesi scorsi quando ha cercato di guadagnarsi una chance nella Summer League. Non delude mai, Green. Ha convinto a dargli fiducia i Boston Celtics, che non saran- no più un team da anello ma rappresentano un luccicante pezzo di storia del basket Nba. Quella dell'altra sera, preseason o no, era la prima partita in un contesto Nba per Javonte. Contro i Charlotte Hornets è rimasto sul parquet undici minuti ma sono bastati per far parlare di lui tutta l'America che segue il basket. Nello spazio che gli è stato concesso ha segnato 15 punti, con un percorso netto al tiro: schiacciate che sono la specialità della casa e la gemma di un tiro da tre punti. D'accordo, se l'era preso con gli avversari a debita di- stanza, nell'ultimo quarto, ma da tre bisogna comunque metterla. Il coach Brad Stevens se la rideva. Green ha un contratto parzialmente garantito con i Celtics e non può ancora dirsi tranquillo di fare la squadra nel campionato Nba che scatterà il 22 ottobre, ma se la gioca e il suo nome ormai è conosciuto anche nel mondo dei prò. Nel dopogara della sua notte magica Green ha segnato anche il canestro della simpatia. É emerso che prima d'ora la Nba non lo aveva mai vista da vicino nemmeno da spettatore.  JBYNCND ALCUNI DIRITTI RISERVATI Javonte Green a canestro contro Charlotte con la maqlla dei Boston Celtics