Happy Casa, riscatto all'ora di pranzo ?Al "PalaPentassuglia", inizio ore 12, la delicata sfida di campionato fra il Brindisi e la Reyer Venezia BASKET Antonio RODI BRINDISI L'imperativo (categorico) è solo e soltanto uno: mettersi alle spalle le ultime due battute d'arresto. Due partite, quelle con Varese e Dijon, che si spera siano state metabolizzate da una Happy Casa chiamata, gioco forza, a rialzare immediatamente la testa. Se così non dovesse essere, infatti, la gara odierna contro Venezia rischierebbe in caso di ulteriore passaggio a vuoto di minare ulteriormente le certezze del gruppo allenato da Frank Vitucci. Nel giro di soli tre giorni proprio le sfide con Varese e Dijon hanno messo in evidenza una squadra che, in questo momento, sembra fare una fatica maledetta nella propria metà campo. Un aspetto che era già emerso nella gara casalinga con Pesaro (allora furono 98 i punti subiti), un primissimo segnale passato forse sotto traccia, ma emerso in tutto e per tutto immediatamente dopo, in occasione delle ultime due uscite (98,5 punti di media subiti). Brindisi dovrà qui ritrovarsi e giocare con un diverso piglio e con un atteggiamento decisamente differente (i biancazzurri sono oggi la terza difesa più battuta del campionato con 83,3. Fanno peggio solo Pesaro e Pistoia, ovvero le due squadra ?Biancazzurri reduci da due pesanti sconfitte di fila Ora serve una risposta forte per allontanare i dubbi ancora ferme al palo, rispettivamente a quota 94,2 e 85), specialmente trovando di fronte un roster lungo e profondo, con molti punti nelle mani. Per Banks e compagini quello odierno è un appuntamento di assoluto livello. Un lunch match nel quale bisognerà farsi trovare pronti sin dalla palla a due, dove bisognerà essere bravi ad adattarsi ai diversi temi che la contesa metterà sul piatto in corso d'opera. Una partita, quindi, che Brindisi dovrà giocare con il coltello tra i denti se vuole sperare di superare l'ostacolo e mettere in cascina due punti che avrebbero grandissima importanza per la classifica, ma non solo. Più della prestazione isolata del singolo, ci sarà bisogno che ognuno porti il suo mattonano, piccolo o grande che sia. E' una gran bella montagna da scalare, ma la happy Casa ha l'obbligo di crederci. Guai se così non fosse. L'avversario. I campioni d'Italia della Reyer arrivano in Puglia con grande spinta emotiva dopo le ultime buone prestazioni fornite sia in campionato che in Eurocup. «Quella di Brindisi è la seconda trasferta in pochi giorni», dice coach Walter De Raffaele, «per cui con pochi tempi di recupero, ma una trasferta contro una squadra importante, che sta giocando una stagione di ottimo livello, che riguardano sia la Coppa che il campionato. Ci conosciamo, perché ci siamo già incontrati in Supercoppa, e sappiamo quanto Brindisi abbia qualità in tutti i ruoli e, soprattutto in casa, con l'aiuto del pubblico, queste qualità aumentano. E sono in una posizione di classifica meritata, visti i risultati ottenuti. Noi dobbiamo assolutamente continuare la ricerca della nostra identità, che credo già a Vilnius si sia palesata in maniera importante nei 40 minuti, rispetto a tutti quelli che sono entrati in campo, anche se poi il campionato ci chiama ad un allineamento diverso, visto che in Coppa abbiamo la possibilità di schierare uno straniero in più. E questo succede soprattutto nel reparto lunghi, dove manca il rientro di Mazzola per completare il pacchetto. Dobbiamo portarci dietro la crescita in termini di identità che ab- biamo fatto nelle ultime partite, sia di Coppa che in campionato al di là di quello che sarà il risultato, anche se è naturale che andremo per fare risultato, sapendo benissimo che sarà una partita dura, contro una squadra di qualità. Però, ripeto, abbiamo le possibilità per andarcela a giocare». Formazioni PalaPentassuglia ore 12 Happy Casa Brindisi: 0 Banks, 00 Brown, 1 Martin, 6 Zanelli, 7 lannuz-zi, 8 Guido, 10 Gaspardo, 12 Campo-grande, 15 Thompson, 18 Catta-pan, 33 Stone, 35 Ikangi. Ali. Vituc-ci. Umana Reyer Venezia: 3 Casarin, 5 Stone, 6 Bramos, 7 Tonut, 9 Daye, 10 De Nicolao, 12 Filloy, 14 Vidmar, 21 Chappell, 29 Pellegrino, 30 Cerella, 50 Watt. Ali. De Raffaele. Arbitri: Paternicò, Grigioni, Galasso. © RIPRODUZIONE RISERVATA La giornata Sassari a tutto gas vince l'anticipo La giornata (7a giornata) Sassari-Roma 108-72 Brindisi-Venezia; Reggio Emilia-Virtus Bologna; Milano-Varese; Pistoia-Trieste; Treviso-Pesaro; Fortitudo Bologna-Brescia; Cremona-Cantù. Riposa: Trento. Classifica Virtus Bologna 12; Sassari 10; Reggio Emilia, Brindisi e Fortitudo Bologna 8; Varese, Brescia, Milano, Venezia, Roma e Trento 6; Cremona, Trieste, Cantù e Treviso 4; Pesaro e Pistoia 0. Sassari e Roma una partita in più. © RIPRODUZIONE RISERVATA L'allenatore Frank Vitucci John Brown