Vitucci: «E una super vittoria Mi aspettavo questa reazione» BRINDISI Frank Vitucci tesse le lodi alla sua squadra, nessuno escluso. Ognuno ha portato il suo mattoncino alla causa. «È una super vittoria», esordisce Thead coach della formazione biancazzurra, «una vittoria fortemente voluta dai ragazzi. Un grande spinto di squadra, dall'inizio alla fine, e i ha permesso di conquistare due punti importantissimi. Una vittoria che è arrivata al culmine di una partita nella quale non sono mancati passaggi anche pesanti, contro un avversario di grandissima qualità e grandissimi mezzi. Abbiamo risposto ad ogni situazione, anche dopo lo spavento d'inizio terzo periodo (fase in cui la Reyer è tornata sul -3 riaprendo del tutto i giochi, iidc). Mi aspettavo da parte dei miei ragazzi questo tipo di reazione, e puntualmente è arrivata». I biancazzurri hanno mantenuto ima difesa importante per tutta la partita, riuscendo ad incanalarla fin dall'inizio, riuscendo anche a un solco importante in corso d'opera. «Chi siamo veramente? A guardare il campionato e all'equilibrio che lo sta contraddistinguendo ci sta avere degli alti e bassi e andare mi po' sulle montagne russe», dice poi Frank Vitucci. «Magari a volte andiamo fuori strada, ma finora siamo stati sempre bravi a rientrare in carreggiata. E la partita contro Venezia conferma tutto questo. La cosa fondamentale è non fare iperboli sia quando si vince sia quando si perde. Il nostro obiettivo resta sempre lo stesso, ovvero guadagnarci la salvezza il primo possibile. Abbiamo fatto punti con Milano e Venezia, due partite fuori dal nostro range, ma siamo ben consapevoli di ciò che siamo. La squadra sta facendo uno sforzo incredibile per affrontare il doppio impegno, e lo fa con il massimo impegno e abnegazione senza mai battere ciglio». La vittoria ottenuta contro i tricolori della Reyer Venezia porta la firma di Alessandro Zanelli e Raphael Gaspardo, oltre che dell'onnipresente Adrian Banks. Due giocatori che hanno inciso sulla partita, indirizzandola nei momenti più importanti della stessa. Il loro impatto è stato a dir poco fondamentale, ed è un altro spunto positivo nel prosieguo del cammino. Che riprende tra sole 48 ore con l'impegno casalingo di Champions League contro i turchi del Besiktas. In un girone (D) a dir poco equilibrato, la sfida di mercoledì nel Palapentassuglia assume una gl'alidissima importanza per l'eventuale passaggio del turno. A.Rod. E mercoledì al PalaPentassuglia c'è la sfida Champions contro i turchi del Besiktas La gl'iuta dell'allenatore dei biancazzurri, Francesco Vitucci Gli avversari De Raffaele: i miei elogi al Brindisi BRINDISI «Non c'è dubbio che Brindisi abbia meritato la vittoria, ma ci abbiamo messo tanto del nostro». Così Walter De Raffaele (netta foto), head coach dei campioni d'italia della Reyer Venezia. «Noi siamo stati modesti, nei primi due parziali, e lo siamo stati in tutte e due le parti del campo. Non ci sono scuse, abbiamo bi-sognodi reclutale energie un po' da tutti. Ecco, questo non è su ccesso. E non voglio nascondermi dietro stupidaggini come la stanchezza di Coppa o lunghezza della trasferta. Siamo costruiti per affrontare il doppio impegno. La squadra ha giocato in maniera modesta fino all'intervallo lungo e questo, alla fine, lo abbiamo pagato a caio prezzo. Faccio ancora una volta i complimenti a Brindisi, una squadra fortissima: ci sono anche i suoi meriti nella vittoria, oltre i nostri demeriti». A.Rocl.