LE PAGELLE Ma Elmore e Justice (per ora) sembrano essere rigenerati ELMORE, voto 6/7 Veste i panni di un playmaker d'ordine degli anni '80, tipo Montecchi o Boselli, facendo girare la squadra e accendendosi improvvisamente al tiro. Diciamo che si è vista una luce in fondo al tunnel. JONES, voto 6 Primo tempo inguardabile, nella ripresa sembra trascinare i compagni come nelle ultime due occasioni; si ferma sul più bello, con 12 punti, 5 rimbalzi e uno 0/2 ai liberi nel finale piuttosto pesante. JUSTICE, voto 6 Ritrova la mano ma poi l'allenatore non ritrova lui. Quasi 17 minuti, la maggior parte nella prima frazione, poi tanta vista privilegiata sul campo. Chiude con 5 punti, 3 palle recuperate e 4 assist. CAVALIERO, voto 5 Quasi venti minuti di vuoto: la tripla a partita chiusa "sporca" lo scout balistico, che recita 1/4 dal campo e 2 assist. FERNANDEZ, voto 5/6 Poteva sfruttare maggiormente la qualità rispetto ai diretti avversari, invece si è limitato a una partita piatta: 4 punti, 1/4 dal campo, 3 rimbalzi e 5 assist. Quando è meno incisivo, tutta la squadra ne risente. DAROS,voto5 Tanto, forse troppo (auto) coinvolto in una serata di certo non ispirata al tiro: 1/8 dal campo con prevedibili iniziative in avvicinamento a canestro. Non eccelle come di consueto in fase difensiva. PERIC, voto 6/7 Primo quarto di dominio assoluto, in una delle rare occasioni in cui il croato ha vantaggi dinamici sui diretti avversari. Poi cala alla distanza senza lasciar traccia nei momenti chiave: 12 punti, 5/8 dal campo e 2 rimbalzi. MITCHELL, voto 6/7 Poteva essere un'ottima partita se non fosse che la scemenza sulla provocazione post schiacciata sarebbe da RAFFAELE BALDINI far commentare a Mara Maiolichi. Dinamico, tecnico e presente in area, 13 punti e 7 rimbalzi e quella voce non presente nello scout: ingenuo. STRAUTTNS, voto 6 Si è visto poco nonostante i 16 minuti di parquet: solo due conclusioni e una tripla nel finale che poteva riaccendere le speranze. COOKE JR., voto 6/7 Lo spirito di Mosley si è impossessato del giocatore nato a Washington: schiacciate ad altezze siderali, rimbalzi, intimidazione ma soprattutto quella gran voglia di aggredire ogni secondo di partita. Chiude con 8 punti e 6 rimbalzi, in pratica la produzione del primo tempo. All.DALMASSON voto 5/6 Mette in campo una squadra sgrezzata dalla ruggine figlia dalla pausa stagionale. Rigenera parzialmente Elmore e Justice (per ora...) in un compito che sembrava improbo, poi però si lascia scivolare una partita già vinta sotto i colpi di gregari quali Wheatle e Sa-lumu. Attenuanti? Si, le ingenuità dei suoi giocatori nel finale. g BY NCJ NO ALCUNI DIRITTI RISERVATI