«Dinamo forte e compatta possiamo puntare in alto» Curtis Jerrells si mette alle spalle gli attriti con Pozzecco e guarda avanti «Siamo un ottimo gruppo e stiamo lavorando alla grande. Vorrei lo scudetto» di Andrea Sini » SASSARI «Il coach ha il suo modo di gestire il gruppo e di vedere la pallacanestro, io ho la mia esperienza e le mie idee. Tra noi non è successo niente di particolare, il confronto fa sempre bene e fa parte della costruzione del rapporto tra le persone». Curtis Jerrells allontana qualsiasi ipotesi di "caso" e lo fa prima con i fatti, sul parquet, e solo dopo con le parole. La larghissima vittoria di sabato contro la Virtus Roma, potrebbe rappresentare un crocevia fondamentale per la Dinamo anche e soprattutto per le buone notizie che arrivano dallo spogliatoio. «Sì, questo può essere davvero un momento chiave della stagione - conferma la guardia americana del Banco di Sardegna -, ci sono cose delle quali si parla e sulle quali magari non si è d'accordo, e magari non riguardano me personalmente ma tutta la squadra. Ci sono tanti giocatori di talento nel nostro gruppo e non è scontato trovare subito tutti gli equilibri. L'importante è che ci fidiamo l'uno dell'altro, e in questo momento il campo dimostra che è assolutamente così. Io sono a completa disposizione, mi piace vincere e ho il pensiero fisso di andare sino in fondo, vorrei vincere lo scudetto con la Dinamo». L'impressionante prestazione fornita dai biancoblù contro la Virtus di Piero Bucchi conferma l'ottimo momento del Banco, che ha vinto 5 gare su 6 in campionato e che, dopo avere conquistato la Supercoppa in apertura di stagione, si sta facendo rispettare anche in Champions League. «Contro Roma abbiamo disputato una grandissima partita, secondo me la migliore di questa stagione, perché è stata la più completa: siamo stati bravi a giocare una buona difesa e un buon attacco e abbiamo limitato nel modo giusto i loro giocatori di talento. Stiamo crescendo partita dopo partita, negli ultimi allenamenti abbiamo provato un nuovo sistema difensivo e credo che i frutti che stiamo raccogliendo dimostrino che stiamo lavorando bene in settimane». Grande difesa ed eccellente attacco, oltre a un gruppo che sembra avere fatto un ulteriore passo avanti a livello di compattezza. «Siamo una squadra dal grande talento e lo dimostrano i buoni tiri che abbiamo preso in questa partita - aggiunge l'ex giocatore dell'Olimpia Milano-, con una buonissima fluidità offensiva. Sono elementi chiave per stare tutti sulla stessa pagina. Io mi sto abituando a un sistema che per me è nuovo, il campionato è iniziato solo da un mese e credo che il processo di crescita richieda tempo, ma la stagione è lunga e ci sarà da divertirsi». IL PUNTO Una settimana super con tre successi larghi e convincenti » SASSARI Dimenticare Trieste, mettersi alle spalle Ankara. Detto, fatto, rifatto. Lo strepitoso avvio di stagione della Dinamo ha conosciuto sinora soltanto due passi falsi in 11 partite e la reazione dei ragazzi di coach Gianmarco Pozzecco è stata immediata: nelle tre gare giocate nello spazio di 6 giorni, sono arrivate tre vittorie da stropicciarsi gli occhi: prima il blitz del PalaDesio contro Cantù (+17), poi la netta vittoria in coppa contro Ostenda (+19), infine il successo pirotecnico di sabato contro la Virtus Roma (+36). Se Banco di Sardegna e Happy Casa Brindisi sono le uniche squadre che stanno tenendo il passo della Virtus Bologna, capolista ancora a punteggio pieno, c'è però da dire che di tutto il plotone che occupa la parte alta della classifica, la Dinamo è l'unica squadra che ha già osservato il proprio turno di riposo, giocando dunque solo 6 gare e non 7. Scorrendo la classifica, solo dall'ottavo posto in poi si trovano squadre che hanno disputato sei partite. Le gare "della verità", almeno per quanto riguarda il campionato, si stanno comunque avvicinando: da qui a un mese, per la Dinamo sono previste tre trasferte durissime (a Venezia, Milano e Brindisi) e due match casalinghi molto complicati, contro Reggio Emilia e Brescia, (a.si.) Gruppo in marcia verso la Polonia, domani la sfida con Torun Tutti in marcia, si vola verso la Polonia. Già ieri sera, a meno di 24 ore dal la bel la vittoria sul la Virtus Roma, la comitiva biancoblù si è spostata da Sassari per la seconda trasferta stagionale di Champions League. Ieri notte la squadra ha pernottatoa Olbia, poi oggi prenderà due voli aerei, per poi affrontare un paio d'ore di pullman prima di arrivare a Torun, città che si trova nel cuore della Polonia, tra Danzica e Varsavia. Domani alle 18,30 Dyshawn Pierre (nel la foto) e compagni se la vedranno con il Polski Cukier nel la quarta giornata della regular season della competizione Fiba. Domenica il Banco di Sardegna è atteso da un'altra trasferta, al le 20,30 in casa dell'Umana Reyer Venezia. Coach Gianmarco Pozzecco Il rapporto con il coach è già stato ricomposto «Veniamo da esperienze diverse ed è normale avere idee diverse Ma ora siamo tutti su Ila stessa pagina» LA CLASSIFICA Riposa: Reggio Emilia ninni ^^ r L'esperta point guard americana Curtis Jerrells, alla sua prima stagione a Sassari