Tv e web, la Lega deve scegliere il suo futuro La Lega Basket sceglie il futuro televisivo della Serie A. Oggi a Bologna i 17 associati (a rappresentare Varese il presidente Marco Vittorelli -foto) esamineranno la situazione relativa ai diritti streaming del prossimo triennio, tema portante di un incontro che dovrebbe ratificare lo status quo fino a ottobre 2020 sulla posizione dell'attuale presidente Egidio Bianchi. L'ambizioso piano per il lancio della web tv della LBA, con relativa autoproduzione delle partite messo a punto dall'esperto del settore Bruno Bogarelli, avrebbe costi di attivazione e gestione decisamente impegnativi per i club medi e piccoli dalle prospettive economiche di Varese. La rinuncia all'attuale accordo con Euro-sport, che porta nelle casse dei club circa 120mila euro annui di diritti oltre a 180mila euro circa di risparmio per la produzione delle partite, pesa economicamente parecchio nel bilancio di una stagione sportiva: per Varese si tratta di circa il 7 per cento del budget, ma ci sono club per i quali si supererebbe il 10 per cento. Valorizzare il prodotto Tv aumentando il valore dei diritti che producono ricavi risibili rispetto al calcio è tema che sta a cuore a tutti; difficile - o forse impossibile - conciliare gli interessi di chi può permettersi investimenti con ritorni in tempi non inferiori ai 2-3 anni e chi invece lotta ad ogni stagione per la sopravvivenza non potendosi permettere scommesse senza certezze di ritorni immediati. Per questo sembrano esistere due posizioni con- trapposte: mentre i club di vertice spingerebbero per la soluzione web ft> puntando sul raddoppio dei passaggi in chiaro su RaiSport, un buon numero di società preferirebbe la conferma del quadro attuale che Eurosport (annunciata la presenza in assemblea dell'a.d. Alessandro Araimo) sarebbe disposta a rinnovare per il triennio 2020-2023. Tra gli argomenti di discussione, anche le modifiche al regolamento esecutivo della Lega approvato lo scorso marzo: l'armonizzazione con le regole Com. te.e..indispensabile per F imprimatur Fip, causerà un passo indietro sul tema delle rateizzazioni Iva che saranno dunque concesse come previsto dalle norme civdistiche e federali. Si RIPRODUZIONE RISERVATA Prove tecniche di rientro iTv e web, la Lega de«e sceglie I