Torna Chapman, Pesaro ci prova Dopo dieci giornate, la Carpegna Prosciutto stasera con Cremona (ore 20,15) vuole rompere l'incantesimo Clint Chapman ha saltato due partite per una brutta distorsione BASKET Limitare le folate di Cremona, controllando il loro ritmo alto. Attenzione in difesa, ma anche in attacco, «perché giocare partite di corsa con le squadre di Sacchetti è sempre dannoso». Questa, nei piani, la Vuelle che stasera (20.15, su Rai Sport) scenderà in campo alla Vitrifrigo Arena. Roster non ancora al completo, ma che rispetto all'ultima di campionato recupera una pedina importante. Nonostante i problemi in settimana, il fastidio alla schiena di Zanotti, la Vuelle oggi ritroverà anche Chapman, tornato ad allenarsi venerdì insieme ai compagni do- po 11 giorni di stop. «Dobbiamo andare oltre le nostre difficoltà -ha ricordato coach Perego alla vigilia della sfida - mettendo in campo ciò che di buono sappiamo fare e sperare finalmente di poter stappare la bottiglia buona a fine gara». Dopo il passo indietro fatto contro Brescia, dove la difesa ha avuto una ricaduta rispetto a ciò che si era visto nelle settimane precedenti, oggi sarà più che mai fondamentale limitare la fisicità avversaria: «Nello scorso turno abbiamo difeso male, ma con una rotazione così corta era difficile avere un approccio differente. Dobbiamo alzare il livello, seguire la strada intrapresa a Trento: questa situazione è pesante per tutti, bisogna fare sforzi notevoli per trovare serenità ma ci stiamo riuscendo. Abbiamo dei limiti, ci lavoriamo. Non è mancanza di volontà, solo lacune che vanno colmate». I precedenti tra le due squadre sono a favore dei lombardi: su 20 gare giocate, 11 sono le vittorie di Cremona e 9 quelle di Pesaro. L'ultima vittoria in casa contro la Vanoli risale alla stagione 2012/13, poi una serie ancora aperta di 6 sconfitte casalinghe. Oggi non ci sarà Travis Diener, almeno tre settimane di stop per lui a causa di un problema al piede sinistro. «Tutti gli altri sono arruolabili - così Meo Sacchetti, che ha vinto 13 delle 19 gare contro la Vuelle da allenatore -. Senza una bella presenza e una bella intensità non possiamo sperare di vincere: andiamo a Pesaro consapevoli che per noi non esistono partite facili. Giochiamo contro una squadra che negli ultimi tempi ha dovuto fare i conti con gli infortuni e sta recuperando alcuni giocatori, ma è sempre Pesaro, una società che ha fatto la storia della pallacanestro italiana. Loro sanno, come del resto lo sappiamo noi per quanto ci riguarda, che ci sarà da soffrire fino alla fine per portare a casa la salvezza. Sarà una gara importante per entrambe». Monica Generali