DIETRO LE QUINTE Trasferta vietata ai canturini La solidarietà dei rivali ultra Grande rivalità tra Bologna e Cantù che, storicamente, è sempre stata una gara delicata e con tanto in palio. Grande rivalità anche tra le due tifoserie, anche se nella seratabolognese sono mancati itifosi canturini, dopo la decisione degli organi competenti di vietare la vendita dei tagliandi ai residenti della provincia di Como. La seconda partita alla Segafre-do Arena, nuovo impianto, provvisorio che le Vnere hanno costruito all'interno di un padiglione della Fiera di Bologna: nuova casa, dunque, per la Virtus Segafredo che nella gara di ieri sera e nelle prossime tre gare casalinghe (Brindisi ma soprattutto per il derby e per la partita con Milano) ha per il momento lasciato il Pala-dozza, storico fortino del basket bolognese. Prima dell'inizio un minuto di silenzio perla scomparsa dell'arbitro Giancarlo Vitolo, che nel 2008 è stato inserito nella Hall of Fame. Prime file vuote nella curvabo-lognese nei primi minuti della gara, in protesta contro i divieti di trasferta: tifosi bianconeri che fanno il loro ingresso con uno striscione di solidarietà ai tifosi di Cantù. Quattro minuti di protesta silenziosa e poi può iniziare labat-taglia sportiva sugli spalti, soprattutto quando debutta nella gara Milos Teodosic, che fa alzare subito tutta l'arena con un assist al bacio che apre le danze di una delle partite più sentite tra due piazze storiche del basket nostrano. Durante l'intervallo premiato anche, con una canottabiancone-ra, il campione di ciclismo Vincenzo Nibali (vincitore del titolo mondiale nel 2019),cheperlasta-gione 2020 faràparte della squadra Trek Segafredo. P.D.Dom. Niente trasferta a Bologna ieri per gli Eagles