BOLOGNA Un tiro da tre punti - quello vincente, per di più - perché la sua storia continua. La favola di Marco Belinelli (foto Afp), prossimo ai 34 anni, non ha fine. Sembra- li riscatto di Belinelli: tripla allo scadere che inchioda Toronto va finito ai margini delle rotazioni di Gregg Popovich, a San Antonio. Sempre meno minuti, sempre meno responsabilità. Marco, come ha fatto dal 2007 -anno in cui fu scelto da Golden State -, ha continuato per la sua strada, lavorando e rispondendo presente a ogni chiamata. Così, per gli Spurs, che non se la cavano benissimo (noni nella Western Conference e per ora fuori dalla zona playoff), arriva una vittoria di prestigio, ottenuta a Toronto, all'Air Canada Center. Vittoria in rimonta 104-105 (28-21; 51-43; 82-69 i parziali) contro i campioni Nba in carica e con la tripla decisiva (101-103), quella del sorpasso, dall'esterno di San Giovanni in Persiceto (Bologna) a 28 secondi dalla fine. Per Marco non tanti minuti (12), ma tanta qualità con 5 punti, 4 rimbalzi e 3 assist. La tripla vincente, che regala a San Antonio speranze in chiave playoff, è un segnale preciso che manda l'azzurro. Nella stagione più difficile degli ultimi anni - i minuti di impiego rispetto alla media sono scesi da 22,9 a 15,1; i punti da 9,8 a 5,4 -, Marco alza la voce e dimostra di essere uno che non si arrende mai. Oggi a San Antonio e nella Nba, a giugno con la maglia azzurra, a Belgrado, nel preolimpico. I risultati: Toronto-San Antonio 104-105; Phoenix-Charlotte 100-92; Memphis-Golden State 122-102; Denver-Los Angeles Clippers 114-104; Brooklyn-Atlanta 108-86. a. gal. e RIPRODUZIONE RISERVATA